6 gen 2022

L'ultima della Corea del Nord: il burrito lo abbiamo inventato noi nel 2011

Macché messicano: la propaganda sostiene che il rotolo farcito sia una creazione del "caro leader" Kim Jong-il

Il burrito è nato in Messico a fine Ottocento, o in Corea del Nord dieci anni fa?
Il burrito è nato in Messico a fine Ottocento, o in Corea del Nord dieci anni fa?

Le origini esatte del burrito come lo intendiamo oggi non sono chiare, ma si possono fare risalire a cavallo fra Otto e Novecento nel Messico settentrionale, da dove poi si è diffuso negli Stati Uniti e da lì è andato alla conquista del mondo. E invece no: è solo quello che vuole farci credere la propaganda occidentale. In realtà il burrito è stato inventato nel 2011 in Corea del Nord, e nientemeno che da Kim Jong-il, il "caro leader" che ha guidato il paese fino alla sua morte e padre dell'attuale leader supremo Kim Jong-un.

La rivelazione giunge da due fonti. In un filmato trasmesso dalla televisione nazionale (e ripubblicato ad esempio dall'Independent) si vedono i cittadini della capitale Pyongyang mentre gustano dei burrito preparati da un chiosco all'esterno di uno stabilimento alimentare. Il video si sofferma sul processo di lavorazione e mostra abbondanti scorte alimentari – alla faccia di chi sostiene che la Corea del Nord è attanagliata da una gravissima scarsità di cibo – e un sistema automatico di cottura e taglio di un cilindro di carne curiosamente simile a un kebab. Forse a sottintendere che si tratti di un'altra invenzione nordcoreana? Il filmato si conclude inquadrando un murale che ritrae Kim Jong-il sorridente nella cucina dove si sfornano i "rotoli di grano" (questo il loro vero nome).

Ulteriori dettagli sono stati forniti dal Rodong Sinmun, il giornale ufficiale del Comitato centrale del Partito del Lavoro di Corea, e quindi la fonte più attendibile e imparziale su quanto accade all'interno dei confini impenetrabili del paese. Il quotidiano specifica che i rotoli farciti sono stati creati appunto nel 2011 dal caro leader, il quale consigliava di accompagnarli con l'acqua fresca in estate e con il tè in inverno. L'eredità è stata raccolta dal figlio: a sua volta Kim Jong-un sta dedicando "un'attenzione meticolosa" a questo cibo di strada nordcoreano che, così viene riportato, starebbe riscuotendo un grande successo.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?