Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
27 mag 2022

Un mattatore chiamato Bardem. "Vi spiego il miracolo di recitare"

Tutto esaurito (tanti giovanissimi) all’incontro con il divo spagnolo, che si racconta fra carriera e vita privata. "Portai mia sorella a un provino e presero me. Noi attori non cambiamo il mondo, ma emozionare è bellissimo"

27 mag 2022
giovanni bogani
Magazine
featured image
Javier Bardem è sposato con Penelope Cruz
featured image
Javier Bardem è sposato con Penelope Cruz

Maglietta e muscoli, barba da montanaro e sorriso aperto, voglia di scherzare e di ridere. Soprattutto di se stesso. Javier Bardem è protagonista a Cannes di una masterclass affollata fino all’inverosimile. Tanti ventenni, studenti di cinema, aspiranti attori e attrici. Venuti a sentire un attore che, a cinquantatré anni, è già leggenda. Javier Bardem. Il killer laconico di 'Non è un paese per vecchi' dei fratelli Coen, Oscar come miglior attore non protagonista. Il malato terminale de 'Il mare dentro', Coppa Volpi a Venezia. Il cattivo perfido e sfolgorante di Skyfall . E il protagonista di un felice matrimonio con Penelope Cruz, che gli ha dato due figli: Leonardo e Luna. Javier, il suo primo film è stato Le età di Lulù con Francesca Neri. Che cosa ricorda? "Non pensavo affatto di fare cinema: avevo accompagnato mia sorella a un provino, mi hanno detto: vuoi farlo anche tu? Io: no… Loro: ’togliti la maglietta’, e poi: ‘ok, vai bene’. Ero un pezzo di carne, nulla di più". Ride. E aggiunge: "Ma sono ancora un bel pezzo di carne, no?" Che cosa pensa delle spinte culturali verso l’inclusione? "Sono a favore, ma bisogna stare attenti a non esagerare anche nella direzione opposta. Hanno criticato Cannes perché non ci sono abbastanza donne registe, non ci sono abbastanza registi di colore… Ma a me interessa che il film sia bello, sia esso di una donna, di un uomo, di un africano o una giapponese". Che cosa consiglierebbe a chi, oggi, ha vent’anni? "Che non siano prigionieri del loro telefono. Un po’ rimpiango i miei vent’anni, quando eravamo liberi di ridere, di amare, di ubriacarci, senza che ci fosse un telefonino a riprendere tutto, e a diffonderlo in rete!". Qual è stato il momento più difficile della sua vita? ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?