Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
1 apr 2022

"Fino all'ultimo respiro": perché rivederlo oggi in streaming?

1 apr 2022
jacopo conti
Magazine
featured image
Una scena di "Fino all'ultimo respiro"
featured image
Una scena di "Fino all'ultimo respiro"

Anarchismo metodologico? Estetismo fine a se stesso? No, solo il vitalismo umano di quella (meravigliosa) Parigi degli anni Cinquanta con un fondamento filosofico ben radicato nell’esistenzialismo di Sartre e riferimenti in autori come William Faulkner. Questo (e molto altro) è Fino all’ultimo respiro di Jean-Luc Godard con Jean-Paul Belmondo e Jean Seberg (interpretata da Kristen Stewart nel biopic Seberg, altro film da recuperare). Ma perché rivederlo oggi in streaming? Perché quell’individuo irrequieto, angosciato dal nulla e alle prese con la costruzione della propria esistenza, è oggi forse più presente e vivo che negli anni della Nouvelle Vague, quando per lo meno l’ideologia politica era in grado di dare qualche coordinata di massima a cui aggrapparsi.

Siamo di nuovo noi, oggi, e in particolare le generazioni più giovani, a trovarci di fronte alla scelta esistenziale tra il perdersi per il mondo facendoci trascinare da ogni emozione come fa Michel (Belmondo), o tentare il compromesso con un mondo che reprime e rassicura, come sceglie di fare Patricia (Seberg). «Siamo infelici perché non siamo liberi, o non siamo liberi perché siamo infelici?».

Regista: Jean-Luc Godard

Cast: Jean SebergJean-Paul Belmondo

Consigliato a chi... Tutti, proprio tutti.

Dove vederlo?

Su CHILI

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?