Domenica 14 Luglio 2024
ELETTRA BERNACCHINI
Cinema e Serie Tv

Hollywood, fine dello sciopero: attori e studios hanno trovato un accordo

Dopo 118 giorni di stop, il sindacato Sag-Aftra ha accettato le proposte per il rinnovo del contratto lavorativo. Salario minimo più alto, bonus per i prodotti dedicati allo streaming e regolamentazione dell'IA

Alle 00.01 del 9 novembre 2023, dopo 118 giorni, è ufficialmente terminato lo sciopero degli attori di Hollywood. Il sindacato Sag-Aftra ha infatti raggiunto un accordo provvisorio con i grandi studios sul rinnovo del contratto triennale, mettendo fine così alla più grande mobilitazione di settore della storia. Venerdì è attesa la ratifica ufficiale da parte del consiglio nazionale dell'associazione e, se tutto filasse liscio, il nuovo contratto dovrebbe entrare in vigore molto presto. Altrimenti si riaprirà il tavolo delle trattative con l'Alliance of Motion Picture and Television Producers (Amptp), cosa che nessun fan e appassionato si augura.  

Intesa raggiunta su tutta la linea

La bella notizia è arrivata nella serata di mercoledì 8 novembre con un messaggio diretto agli iscritti del sindacato Sag-Aftra. Informazioni più approfondite sui contenuti del nuovo contratto arriveranno strada facendo, ma qualcosa è già stato fatto trapelare. Il patto sottoscritto ha un valore di oltre 1 miliardo di dollari e include aumenti ai salari minimi, uno speciale “bonus di partecipazione allo streaming”, regolamenti sull’intelligenza artificiale, massimali più elevati per i fondi sanitari e pensionistici, aumenti e disposizioni specifiche per le diverse categorie di interpreti impegnati sul set. Sembra, quindi, che tutti i nodi su cui si è discusso negli ultimi mesi abbiano trovato una soluzione. La stessa Amptp ha dichiarato che il nuovo contratto, che regola il lavoro di circa 160mila attori e attrici, rappresenta "un nuovo paradigma".  

Il costo

Il vecchio contratto era arrivato a scadenza il 13 luglio scorso senza l'accordo per il rinnovo. Dal giorno dopo interpreti di cinema, radio e tv hanno smesso di lavorare, unendosi allo stop degli sceneggiatori iniziate il 2 maggio. Questa combinazione di fattori ha creato un contesto senza precedenti a livello di potere contrattuale: senza scrittori e senza attori produzioni come "Deadpool 3" e "Venom 3", serie tv e talk show di punta si sono fermati causando la perdita, secondo una stima del Milken Institute, di quasi 6 miliardi di dollari nell'economia californiana.  

I big al tavolo delle trattative

Gli sceneggiatori, rappresentati dalla sigla Writers Guild of America, hanno infine raggiunto l'intesa con i produttori il 27 settembre, e il 2 ottobre si è riaperto il tavolo con Sag-Aftra. Le speranze di trovare una soluzione rapidamente non mancavano, erano anche scesi in campo i vertici del settore produttivo ovvero il co-ceo di Netflix Ted Sarandos, il ceo di Warner Bros. Discovery David Zaslav, il ceo di Disney Bob Iger e il presidente di NBCUniversal Studio Group Donna Langley. La trattativa, però, si è bloccata l'11 ottobre sulla proposta del sindacato, giudicata irrealizzabile, di corrispondere una cifra per ogni abbonato ai servizi streaming in questione. La tensione è arrivata ai massimi livelli superata la soglia dei 100 giorni di sciopero.  

Ciak, azione: si riparte

La mobilitazione si è estesa a tutti i livelli dello showbiz nonostante i timori, le stelle di Hollywood a mediare con gli studi cinematografici mentre altri nomi hanno sottoscritto una lettera di sostegno ai negoziatori. Le parti si sono riunite di nuovo il 24 ottobre, dopo uno stop di due settimane. Questa volta, gli studi sono arrivati con un'offerta più generosa in tema di aumento salariale e di bonus sullo streaming, prendendo come riferimento quanto già fatto durante la trattative con gli sceneggiatori, e si è trovata la quadra. Zac Efron e Jeremy Allen White hanno saputo dell'accordo mentre erano sul red carpet dell'anteprima di "The Iron Claw": "È fantastico – hanno esclamato entrambi – ora ripartiranno i progetti lasciati in sospeso e tra qualche mese torneremo ad avere cose da guardare".