Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
13 set 2020

Chiara Rapaccini: "Io ragazzina, Monicelli e i divi di Amici miei"

La compagna del regista, morto nel 2010, racconta un’unione lunga 30 anni: una figlia, le mie vignette e gli appartamenti divisi "Il suicidio? Oltre la farsa, Brancaleone era un guerriero. E lui non poteva accettare di finire in braccio a una badante"

13 set 2020
massimo cutò
Magazine
Chiara Rapaccini in arte Rap, 66 anni, con Mario Monicelli, morto nel novembre 2010 a 95 anni
Chiara Rapaccini in arte Rap, 66 anni, con Mario Monicelli, morto nel novembre 2010 a 95 anni
Chiara Rapaccini in arte Rap, 66 anni, con Mario Monicelli, morto nel novembre 2010
Chiara Rapaccini in arte Rap, 66 anni, con Mario Monicelli, morto nel novembre 2010 a 95 anni
Chiara Rapaccini in arte Rap, 66 anni, con Mario Monicelli, morto nel novembre 2010 a 95 anni
Chiara Rapaccini in arte Rap, 66 anni, con Mario Monicelli, morto nel novembre 2010

Il viso femminile dice all’altro: "Esprimi un desiderio, ma tienilo dentro sennò non si avvera". Il profilo maschile risponde ad alta voce: "Voglio stare con te tutta la vita". Sarcasmo, cattiveria, stoccate, colpi di frusta. Affetto. Il mondo disegnato di Chiara Rapaccini, nome di battaglia Rap, si sintetizza nei personaggi che l’hanno resa famosa sul web per milioni di follower. Microstorie fulminanti riassunte in una sola vignetta, tratta rigorosamente dalla vita reale. La vita degli altri intercettata in treno, sull’autobus, nella coda del supermarket. E la vita propria. Quella di una ragazza di vent’anni che nel 1975 incontrò un uomo molto più grande di lei per età: Mario Monicelli. Lo scambio di battute nella vignetta non è puramente casuale. L’uomo e la donna sono Mario e Chiara, l’episodio è avvenuto in una notte di stelle cadenti tanti anni fa. In fondo lo sketch rappresenta una narrazione flash, acuta e universale della commedia umana. In primo piano c’è il complicato rapporto uomo-donna, che esce dalle strisce per farsi romanzo vero: Amori sfigati, pubblicato da De Agostini. Anche il suo è stato un amore sfigato? "Un pochino sì, capita a tutti di prendere quella piega in certi momenti. Ma fra me e Mario è stato soprattutto un amore bislacco, impossibile, folle, appassionato, ridicolo, unico. Assolutamente autentico". Che cosa legava una teenager e un regista di sessant’anni, celebre e temuto, il maestro della commedia all’italiana? "Avevamo lo stesso modo di pensare fuori dagli schemi, la stessa ironia. Anche se questo l’ho capito dopo. Quando ci conoscemmo non sapevo neppure chi fosse Monicelli". Possibile? Davvero non conosceva l’autore de La grande guerra, I soliti ignoti, L’armata Brancaleone? "Studiavo storia dell’arte, quello era il massimo della mia cultura. Io e i compagni di allora eravamo ignoranti e incoscienti, il cinema era una sala buia con ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?