Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
17 giu 2022

Caterina Sforza, la (vera) regina del Rinascimento

Un festival a Forlì celebra la contessa guerriera: libera e ambiziosa, esercitò il potere con giustizia ma per conservarlo sacrificò i figli

17 giu 2022
eleonora mazzoni
Magazine

di Eleonora Mazzoni Prima di morire pare che Caterina Sforza confidasse a una suora che l’assisteva: "Se io dovessi scrivere tutto, stupirei il mondo". E, in effetti, non è facile condensare la vita intensa di questa donna fuori dalla norma. Partiamo allora dal 30 aprile 1488 quando Caterina, 25 anni e sei figli minorenni, diventata di colpo vedova del primo marito, Girolamo Riario, nipote del Papa Sisto IV, si ritrovò non solo libera da quell’uomo prepotente e ottuso ma anche Signora di Imola e Forlì. Iniziò così il suo governo, che durerà 12 lunghi anni, in cui lei lottò con le unghie e con i denti contro insidie e tradimenti, contro le velleità degli stati più forti che volevano annettersi il suo, grazie al fatto che rappresentava il passaggio obbligato di chi dal Nord doveva recarsi al Sud o viceversa. Caterina si occupava di tutto, indefessamente, con un atteggiamento pratico e sagace. Ridusse i dazi. Cercò di far quadrare quei conti che non tornavano mai, pur di non gravare troppo sui suoi sudditi. Fino adesso era stata soggetta a uomini. Prima al padre, Galeazzo Maria, Duca di Milano, poi al marito. Ora era lei a prendere decisioni. A trattare di soldi e di beni, di alleanze politiche e di battaglie. E lo faceva molto bene, scatenando sconcerto e sorpresa ma anche ammirazione e odio. Caterina adesso poteva anche scegliere di abbandonarsi finalmente alla passione. Dopo il marito affibbiatole dai genitori a nove anni e mezzo, che le diede molti figli ma poco amore, ebbe tanti uomini – si malignava che non sapesse stare "a letto voto". Due li amò intensamente: Giacomo Feo, scudiero molto bello e più giovane di lei e, dopo la morte del ragazzo, Giovanni de’ Medici, del ramo cadetto della celebre casata. Li volle entrambi contro l’opinione pubblica ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?