Opera Tuderte
Opera Tuderte

Siamo alle porte di Todi, cittadina medievale di una bellezza ed eleganza uniche, in un lotto che anticamente ospitava un poligono di tiro militare, ancora visibile nel caratteristico muro in pietra di fronte alla vecchia costruzione, elemento fortemente caratterizzante del progetto. E’ in questo luogo immerso nel verde, all’ombra del colle dove domina Todi e con la vista sulla vallata Perugina che la coppia italo-francese decide di stabilire la propria dimora estiva. 

L’interior designer Melissa Giacchi, alla ricerca di un’atmosfera accogliente e fortemente connessa con la natura, prende spunto da questi elementi e dalla cortina in pietra, sede un tempo di antichi bersagli, per organizzare uno spazio interno razionale, essenziale nei volumi e nelle forme, coerente nel linguaggio univoco dei colori e dei materiali. Da qui la scelta di un unico legno, frassino naturale massello per tutti gli arredi disegnati su misura oltre a tutti gli imbotti delle aperture che conducono verso l’esterno e che incorniciano delicatamente la natura.

La casa si sviluppa su due livelli: una zona giorno, camera padronale e servizi ben schermati da porte armadiate al piano terra e un grande piano scrivania con vista sul lotto esterno incorniciato da un ballatoio con affaccio sul salone oltre alle due camere ospiti al piano primo. Tutto collabora a creare un’immagine coordinata elegante e raffinata, messa in evidenza da accenti luminosi e un accurato studio della luce sia interno che esterno. Lo studio del verde, dei percorsi e dell’area retrostante la casa ha seguito la logica teatrale lavorando per quinte e schermi visivi consecutivi.