Una scena di 'Captain Marvel'
Una scena di 'Captain Marvel'
Una guerra intergalattica fra due razze aliene coinvolge la Terra: spetterà a una super eroina il compito di risolvere la situazione. Mercoledì 6 marzo esce nelle sale cinematografiche italiane il film 'Captain Marvel', interpretato da Brie Larson: è arrivato il momento di fare il punto su quel che ci attende, evitando spoiler.

CAPTAIN MARVEL, IL FILM
'Captain Marvel' è il 21° film del cosiddetto Universo Cinematografico Marvel (UCM) e la trama compie un passo indietro nel tempo, per l'esattezza a metà degli anni Novanta, cioè prima dei fatti raccontati nel primo 'Iron Man' (2008).

Lo scopo è quello di introdurre una potentissima super eroina ed è la prima volta che una donna è protagonista assoluta di un film Marvel. La ritroveremo poi in 'Avengers: Endgame': atteso nelle sale dal 24 aprile, chiusura della terza fase dell'UCM e del ciclo legato all'alieno Thanos.

CAPTAIN MARVEL, UN PREQUEL, NON UNA ORIGIN STORY
'Captain Marvel' non è propriamente una origin story, perché l'eroina ha già i super poteri e la sua posta in gioco è capire chi è per decidere come utilizzarli. Ciò nonostante, proprio l'ambientazione negli anni Novanta consente agli spettatori di non essere aggiornati su tutto ciò che è accaduto nell'UCM.

È bene avere un'idea di chi è Nick Fury e la prima scena post titoli di coda non sarà comprensibile a coloro che non hanno visto 'Avengers: Infinity War', ma il resto della trama ha una sua autonomia. Paradossalmente, 'Captain Marvel' potrebbe essere guardato anche da chi non conosce affatto i supereroi.

CAPTAIN MARVEL, LA TRAMA
Al centro della vicenda troviamo una donna dotata di enormi super poteri, che però ha ricordi confusi sul proprio passato. Quando resterà coinvolta nella guerra che oppone due razze aliene, gli Skrull e i Kree, avrà anche la possibilità di mettere a posto le tessere del proprio puzzle personale e determinare le sorti del conflitto.

IL TRAILER


ATTORI RINGIOVANITI AL COMPUTER
In 'Captain Marvel' compaiono due attori che sono già stati protagonisti dell'Universo Cinematografico Marvel, cioè Samuel L. Jackson (che interpreta Nick Fury) e Clark Gregg (l'agente Coulson): siccome il film è ambientato negli anni Novanta, i loro volti sono stati ringiovaniti al computer, grazie a un lavoro sopraffino.

LA PRIMA VOLTA DELLE DONNE
'Captain Marvel' non rappresenta soltanto il primo film dell'UCM con una super eroina protagonista assoluta: è anche la prima volta che una regista siede dietro la cinepresa di un film Marvel. Si tratta di Anna Boden, accreditata anche come co-sceneggiatrice e che ha diretto la pellicola insieme al marito Ryan Fleck.

CAPTAIN MARVEL, LA RECENSIONE 
Il compito del film non era semplice, a maggior ragione considerato che dura poco più di due ore: doveva introdurre nell'UCM due razze aliene, una super eroina mai vista prima e raccontare non solo chi è, ma anche come mai è così potente. Il rischio era di avere un film appesantito dalla quantità di informazioni che era necessario veicolare: qua e là il racconto è di grana grossa, me nel complesso la trama procede rapida e senza intoppi, puntando molto sui toni della commedia.

La protagonista Brie Larson si comporta benissimo e in linea di massima il format di Marvel conferma di funzionare come un orologio che spacca il secondo. Anche le istanze femministe, abbondanti, non sono presenti in modo invasivo o retorico: sono un dato di fatto narrativo, più che una presa di posizione politica. La tenuta complessiva del film ne guadagna.

Leggi anche:
- Captain Marvel: la super eroina attaccata perché donna
- Captain Marvel arriva al cinema e scavalca Netflix
- X-Men, supereroi affollano l'Universo Marvel