Cambio armadio per la primavera: ecco come fare
Cambio armadio per la primavera: ecco come fare

Roma, 15 aprile 2021 - L’arrivo della primavera e il rialzo delle temperature sono sempre momenti piacevoli dopo il letargo invernale. Uno dei pochi “tormenti” di questo periodo è sicuramente il cosiddetto “cambio di stagione”. Scopriamo come farlo nel modo giusto, per non farsi prendere dall’angoscia e finire in poco tempo.

Fare decluttering
La prima cosa da fare quando ci si prepara al cambio di vestiti per la primavera e l'estate è, naturalmente, svuotare l’armadio di tutti i vestiti invernali. Cappotti, giacconi pesanti, maglioni di lana, sciarpe e cappelli, pantaloni e abiti per l’inverno dovranno trovare posto in scatoloni e andranno riposti nel garage o nello sgabuzzino in attesa del prossimo freddo. Durante questa fase, però, è importante fare decluttering e liberarsi dei vecchi vestiti che non sono stati usati negli ultimi anni e, verosimilmente, non lo saranno in futuro. Può sembrare banale ma potrebbe essere un quantitativo importante di abiti e accessori, da eliminare senza farsi travolgere dal sentimentalismo. Potrebbero anche essere venduti o regalati.

Pulire bene l’armadio
Dopo averlo svuotato degli abiti invernali è importante fare una pulizia accurata dell’armadio, per eliminare polvere e germi e “prepararlo” ai nuovi vestiti e accessori. Si possono usare prodotti industriali o una miscela a base di limone e bicarbonato, perfetta per profumare e disinfettare le superfici. Dopo aver pulito si può pensare anche ad un profumatore, ideale per proteggere i vestiti dalle tarme. In questo caso i più efficaci sono quelli alla cannella, al cedro, alla lavanda e ai chiodi di garofano.

Creare un nuovo ordine
Quando si mettono i vestiti primaverili ed estivi nell’armadio è buona norma farlo pensando a un ordine mentale da rispettare. Nessun abito o accessorio buttato alla rinfusa nel guardaroba, dunque, ma un criterio da rispettare. Una buona idea potrebbe essere quella di mettere vicino indumenti simili, che si indossano spesso insieme (cravatta e cintura, camicia e giacca, t-shirt e jeans) e riporre nella parte anteriore dell’armadio i vestiti che si usano di più, lasciando la parte posteriore agli outfit che vengono utilizzati di meno, sempre in base alle proprie esigenze.

Usare scatole ed etichette
A favorire l’ordine nell’armadio dopo il cosiddetto cambio di stagione ci sono sicuramente le scatole, con un’etichetta da attaccare sopra per avere subito idea di cosa di cela dentro. L’ideale è usare delle scatole in plastica o cartone spesso, dotati di coperchio e di buona fattura, per poter sostenere il peso dei vestiti e assicurarne una buona conservazione. Ogni scatola, poi, potrebbe contenere un particolare tipo di vestito (pantaloni, giubbotti, maglioni, t-shirt) o accessorio, divisi per colori o per la tipologia di utilizzo che se ne vuole fare (lavoro, tempo libero, sport, serate eleganti).

Ascoltare musica, un audiolibro o un podcast
Quando si fa il cambio di vestiti nell'armadio la noia è sempre dietro l’angolo. Proprio per questo motivo è indispensabile “caricarsi” con un po’ di musica o ascoltando un audiolibro o un podcast. Il consiglio, in questo caso, è quello di scegliere tra i propri preferiti, per farsi trascinare dalla melodia o dalle parole e non essere costretti a fermarsi di frequente per cambiare canzone.