Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Economia Sport Motori Tech Magazine Salute Itinerari

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Calendario Pirelli, il fascino di Laetitia Casta e Gigi Hadid per The Cal 2019

Lo scozzese Albert Watson firma gli scatti della nuova edizione. Ecco l'anteprima

di EVA DESIDERIO
Ultimo aggiornamento il 26 luglio 2018 alle 08:08
Gigi Hadid posa per il calendario Pirelli 2019

Milano, 26 luglio 2018 -  Dopo le donne poco svestite e molto influenti fotografate da Annie Leibovitz nel 2016, dopo le 14 dive immortalate da Peter Lindberg nel 2017 coi ritratti intensi di Nicole Kidman, Penelope Cruz e Uma Thurman, dopo le suggestioni di una rivisitazione “black” di Alice nel Paese delle Meraviglie per il The Cal 2018 con l'obiettivo dell'immaginifico Tim Walker e la potenza della Venere nera Naomi Campbell, ecco che per l'edizione 2019 del Calendario Pirelli è sceso in pista lo scozzese Albert Watson, nato ad Edimburgo nel 1942, che nell'aprile scorso ha scattato tra Miami e New York la sua versione del calendario del mito della bellezza e della seduzione.

Da alcuni anni il The Cal ha cambiato pelle, lontano anni luce dal calendario pieno di bellone seminude delle origini e di tanti “classici” come uno degli ultimi più trasgressivi quello firmato da Terry Richardson nel 2010 con solo modelle nude ed ammiccanti, ancora attaccate a qualche pneumatico e carezzanti enermi pappagalli colorati. Ora ancora una svolta con la fantasia aristocratica e la fotografia pura di Watson che lavora con un occhio solo (l'altro l'ha perso dall'infanzia) e in ogni suo scatto garantisce una luce speciale. Come filtrata dal miele, oltre che dai raggi del sole. Un effetto molto rilassante che regala alle immagini sogno e poesia.

Watson ha scelto di raccontare quattro storie di donne, capitoli per esaltare la loro ambizione e i loro sogni, che hanno per protagonisti una coppia di ballerini come Misty Copeland e Calvin Royal III, che sognano di diventare due étoiles internazionali, due bellissimi come Laetitia Casta che gioca a interpretare una pittrice molto eccentrica e il ballerino ucraino non ancora trentenne Sergei Polunin, la giovanissima attrice americana, 24 anni, Julia Garner nei panni di una botanica in cerca di fama e la modella canadese biondissima anche lei Astrid Eika e infine due grandi amici come la supertop Gigi Hadid, 23 anni di pura bellezza e lo stilista americano ma di origini taiwanesi Alexander Wang, rispettivamente nei panni di una ricca ereditiera Gigi e del suo amico più fidato Alexander. Indiscrezioni raccontano di poche immagini “nude” ma di un notevole repertorio di seduzione e di fascino, specie nei mesi interpretati da Gigi Hadid.

La presentazione del Calendario Pirelli 2019 sarà a Milano in dicembre, all'Hangar Bicocca.

Albert Watson è uno dei nomi di punta della foptografia internazionale fin dagli anni Settanta quando si è trasferito a New York e ha cominciato a scattare per le più importanti riviste di moda e a fare ritratti entrati nel mito. E' sempre stato un maniaco del lavoro. Gli archivi del suo studio di Manhattan sono pieni di milioni di immagini e negativi, su cui si può leggere il nome di riviste e aziende di fama mondiale. Il suo studio, che gli serve anche da galleria personale, è colmo di fotografie di formato straordinariamente grande, molte scattate a Las Vegas. A prima vista questi paesaggi, interni e ritratti colgono alla sprovvista l’osservatore con la loro gamma cromatica tenue, filtrata. Ma anche nelle nuove creazioni, Watson rimane fedele a se stesso. Le fotografie creano un’aura che trasporta l’osservatore nell’immagine ma al contempo impone una distanza riverente.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.