"Volete fare i rivoluzionari? Volete fare qualcosa per la musica italiana? Boicottate tutte le radio che programmano musica straniera. Fatelo per una settimana... e vedremo se essere uniti per la musica può servire". Questo invito (accompagnato dagli hashtag #musicaitaliana e #sosteniamolanostramusica), rivolto da Mario Biondi sui social ai suoi follower, ha scatenato una vera tempesta di critiche sul musicista siciliano.

Molti hanno ironizzato sul fatto che la maggior parte dei brani interpretati da Biondi sia in lingua inglese. Il cantante è tornato sui social per precisare: "Sovranista, ridicolo... Le persone frustrate devono vedere il peggio negli altri per sentirsi migliori", ha scritto su Fb.