Betaal, un dettaglio del poster (Foto Netflix)
Betaal, un dettaglio del poster (Foto Netflix)

Il classico tema della guerra agli zombi prende una piega colonialista in 'Betaal', mettendo a confronto soldati indiani d'élite e non morti dell'epoca del dominio britannico. Si tratta di una serie TV indiana che è uscita in streaming su Netflix il 24 maggio: passata inizialmente sottotraccia, dopo poche ore ha alimentato una corposa discussione online, soprattutto sulle testate in lingua inglese e su quelle pubblicate in India. Infatti, potrebbe essere uno di quei casi in cui un prodotto diventa suo malgrado un successo cult perché involontariamente trash. Vale la pena di capirci qualcosa.
 

Betaal, tutto sulla serie TV

La trama è ambientata ai giorni nostri e ha per protagonisti i membri di un commando delle forze speciali indiane, chiamato a proteggere gli abitanti di un remoto villaggio immerso nella giungla. Una missione che li costringerà ad affrontare un battaglione di soldati britannici morti ai tempi del colonialismo e diventati zombi agli ordini di un crudele ufficiale inglese.

'Bataal' rinnova l'alleanza fra lo sceneggiatore Patrick Graham e lo studio di produzione Blumhouse Productions, autori insieme della serie TV 'Ghoul' (2018, storia horror con demoni, presente su Netflix). Graham ha anche scritto un altro show che si trova nel catalogo in streaming: il dramma fantascientifico 'Leila' (2019).

Nel cast troviamo alcuni volti che stanno diventando famosi in Italia grazie soprattutto alla fortuna delle serie TV indiane: ci sono Viineet Kumar (visto in 'Bard of Blood'), Jitendra Joshi ('Sacred Games') e Suchitra Pillai ('Made in Heaven').
 




Il trailer sottotitolato in inglese

 

Betaal, le recensioni e come guardare la serie TV

In media le recensioni reperibili online concordano nel dire che il cast dei protagonisti fornisce un'ottima prova. Il problema è che la trama sfiora spesso il ridicolo, frustrando gli sforzi degli attori e delle attrici. Proprio la comicità involontaria sta però producendo una curiosa risposta, soprattutto in coloro che la prendono per il verso giusto e, al posto di tensione e horror, si lasciano sedurre dal gusto dello scontro anacronistico fra zombi del XIX secolo e soldati dei giorni nostri.

La prima stagione di 'Bataal' è composta da quattro episodi che durano 45-49 minuti l'uno. Netflix giudica che la visione sia adatta ad abbonate e abbonati che abbiano compiuto 14 anni. Coloro che soddisfano i requisiti dell'età devono solamente cercare le puntate nel catalogo dei contenuti in streaming e scegliere quando e come guardarle.

Leggi anche:
- The Old Guard, Charlize Theron e Luca Marinelli nel trailer del film
- 'Tenet', ecco il nuovo trailer del film di Christopher Nolan
- Jason Momoa e Peter Dinklage: un vampiro e un Van Helsing