Un (tenero) esemplare di vombato (Foto: CraigRJD/iStock)
Un (tenero) esemplare di vombato (Foto: CraigRJD/iStock)

Tra i buffi marsupiali che popolano l'Australia, una menzione speciale spetta di diritto al vombato, un animaletto che unisce l'aspetto coccoloso a un'altra insolita peculiarità: la cacca quadrata. La stranezza è finita sotto la lente di ingrandimento di un team del prestigioso Georgia Institute of Technology, che ha chiarito alcuni dettagli poco studiati.

CHE COSA SI SAPEVA
Le cose note erano sostanzialmente due. La prima è che la forma cubica degli escrementi dipende dal lentissimo metabolismo del vombato, il cui processo di digestione dura dai 14 ai 18 giorni. La seconda tocca invece un aspetto molto pratico: la cacca dai bordi squadrati aiuta i marsupiali a marcare meglio il territorio, perché può essere ammucchiata anche sui pendii più ripidi senza rotolare via.

TALMENTE STRANO DA NON SEMBRARE VERO
L'esperta di fluidodinamica Patricia Yang ha guidato il lavoro del Georgia Tech mossa soprattutto dalla curiosità. Come dichiarato nel corso di una conferenza dell'American Physical Society: "A spingermi è stato soprattutto il fatto che non avevo mai visto nulla di così strano in biologia. Si trattava di un mistero, all'inizio non credevo nemmeno fosse vero".

DESIGN SQUADRATO
L'equipe ha analizzato gli intestini di alcuni esemplari di vombato uccisi dalle automobili, scoprendo che il cibo scorre lungo il loro apparato digerente in forma semi-liquida, per poi compattarsi nel tratto finale. In questa porzione, che costituisce l'8% dell'intero intestino, si alternano pareti rigide e flessibili, che sono probabilmente responsabili della conformazione spigolosa della cacca.

La spiegazione smentisce l'ipotesi che i cubetti si formassero nella parte alta dell'intestino ma assesta un duro colpo anche all'ipotesi più folcloristica, ossia che l'ano del vombato fosse quadrato.










Leggi anche:
- Allarme, anche nelle feci umane ci sono le microplastiche
- Nasa, concorso per smaltire le feci degli astronauti
- Gli escrementi degli uccelli rinfrescano il clima