Una rana
Una rana
Bando ai luoghi comuni sul fascino della vita selvaggia: i maschi di città sono più sexy di quelli di campagna, quanto meno se parliamo degli esemplari di Engystomops pustulosus, una specie di rana originaria delle zone tropicali e subtropicali. Con il trasferimento in aree urbane, infatti, il richiamo sessuale di questi animali cambia e si fa più complesso: in poche parole, diventa più attraente per le femmine. È quanto hanno rivelato gli autori di uno studio condotto a Panama City e pubblicato sul magazine Nature Ecology and Evolution.

LE RANE DI CITTÀ SONO PIÙ SEXY
Secondo l'ipotesi avanzata dai ricercatori, la ragione del mutamento del richiamo sessuale è da ricercare in due fattori: in città ci sono pochi predatori naturali (ad esempio i pipistrelli) e di conseguenza è possibile lanciare un "canto d'amore" più elaborato senza rischio di attirare attenzioni indesiderate. Inoltre, proprio la presenza di un numero ridotto di predatori fa sì che gli esemplari maschi siano più numerosi e che di conseguenza la concorrenza da battere sia più agguerrita.

I VERSI DELLE RANE DI CITTÀ E DI CAMPAGNA A CONFRONTO


UN COMPORTAMENTO INTELLIGENTE
Nella medesima ricerca condotta a Panama City, gli studiosi hanno anche verificato che se spostavano le rane dalla città alla foresta, allora il loro richiamo sessuale tornava a essere quello originale, meno elaborato. Un comportamento che conferma la capacità di alcuni animali di adattarsi rapidamente alla vita in prossimità o all'interno di centri abitati, un fenomeno già osservato ad esempio con i coyote (che guardano da entrambi i lati prima di attraversare una strada), i corvi (utilizzano le ruote delle auto per rompere le noci) e anche alcune specie di piante, che modificano lo sviluppo delle radici in modo da meglio convivere con l'asfalto e le fondamenta degli edifici più alti.

Leggi anche:
- Lotta contro il tempo per salvare i cuccioli di ghepardo
- Ci sono formiche che decorano le loro tane con i teschi delle prede
- Elefanti senza zanne, l'evoluzione contro i bracconieri