Home Bar prepara i cocktail usando delle apposite capsule - Foto: www.drinkworks.com
Home Bar prepara i cocktail usando delle apposite capsule - Foto: www.drinkworks.com
Farsi un cocktail con la Drinkworks Home Bar è facile come farsi un caffè. Anzi, in pratica è la stessa cosa: funziona esattamente come una macchina per il caffè, solo che al posto della capsula di miscela arabica ne inserisci una di Mojito. D'altra parte non poteva essere diversamente, visto che l'azienda che produce la Home Bar è stata fondata da Keurig, un colosso americano degli apparecchi domestici per caffè, in collaborazione con la multinazionale della birra AB InBev.

Per quanta ricerca possa esserci dietro, è improbabile che i drink siano paragonabili a quelli miscelati dalle mani sapienti di un bartender, ma per chi combina disastri anche solo a preparare un gin tonic – e non parliamo di cose più complesse come un Cosmopolitan – o per movimentare un party casalingo, la Home Bar potrebbe rivelarsi una soluzione interessante.

COME FUNZIONA DRINKWORKS HOME BAR
L'operazione è semplice: basta posizionare il bicchiere giusto, inserire la capsula desiderata e premere un tasto per avviare l'apparecchio, che rileva automaticamente di quale drink si tratta. Procede quindi a raffreddare e aggiungere l'acqua e, nel caso, l'anidride carbonica necessaria per dare effervescenza, et voilà: il cocktail è pronto, bello fresco e già miscelato nelle giuste proporzioni.

COSA TI PREPARA LA MACCHINA-BAR
In futuro potranno essere aggiunte molte altre ricette, ma attualmente la macchina è predisposta per 24 bevande, fra cui anche un sidro e una selezione di birre, in stile inglese a marchio Bass e di scuola tedesca firmata Becks. Ecco invece i quindici cocktail in capsula: Margarita, Classic Margarita e Margarita alla fragola, gin tonic, Daiquiri, Cosmopolitan, Mojito, Old Fashioned, Mai Tai, White Russian, Long Island Iced Tea, Moscow Mule, sangria rossa, sangria bianca alla pesca, Lime Vodka Soda.

QUANTO COSTA UN COCKTAIL?
La Drinkmaker costa 299 dollari, a cui bisogna sommare la bombola di anidride carbonica, 15 dollari al paio (ognuna sufficiente per una quindicina di cocktail). La capsule per i cocktail sono vendute in confezioni da quattro a 16 dollari, mentre quelle della birra vengono 10 dollari.

Inizialmente la macchina sarà disponibile, a partire dal 19 novembre, solo nell'area della città di St. Louis e per un numero limitato di clienti. Superata questa fase di sperimentazione sul campo, e apportate le eventuali correzioni dopo il responso dei primi acquirenti, la distribuzione sarà allargata nel corso del 2019.


Leggi anche:
- Cocktail da record: la sfida del gin tonic più grande del mondo
- L'uomo che sta cercando la Guinness più buona d'Irlanda
- Londra, il bar dove i cocktail sono scelti dai follower