Il Birdsville Hotel sorge al confine del deserto australiano
Il Birdsville Hotel sorge al confine del deserto australiano

Cosa non si fa per una birra. Anche in alcuni dei luoghi più remoti, estremi e irraggiungibili del mondo il viaggiatore assetato può trovare un bar per rinfrescare la gola. Come al Birdsville Hotel, unico luogo di conforto nell'omonimo villaggio di 140 anime che sorge al confine del deserto di Simpson. Siamo nel cuore dell'Australia, a 1600 chilometri da Brisbane, una regione arida e caldissima: la temperatura media nei mesi estivi si aggira sui 38°. Il pub dell'hotel, nel più classico stile dell'Outback, ormai da un secolo e mezzo accoglie i rari viaggiatori che si spingono fino a lì.

All'estremo opposto climatico, in Antartide, sorge il Faraday Bar, il locale più a sud del mondo, raggiungibile solo con le navi delle spedizioni scientifiche. Fa parte del complesso della stazione di ricerca Vernadsky, sull'isola di Galindez, ed è frequentato dal personale ucraino della base e dalla manciata di turisti che riescono a ottenere il permesso di sbarco. Curiosità, il bar produce la sua vodka utilizzando l'acqua ricavata dai ghiacci perenni.

Dominata da un vulcano attivo, la minuscola Tristan da Cunha spunta nel mezzo dell'Oceano Atlantico meridionale ed è l'isola abitata più remota del mondo, distante oltre duemila chilometri dal centro abitato più vicino, l'isola di Sant'Elena. Nella "capitale", l'insediamento di Edinburgh of the Seven Seas, i 250 residenti possono concedersi un drink e due chiacchiere nello spartano Albatross Bar.

Il pub Old Forge è uno dei più isolati che possiate trovare in Europa. Sorge sulla costa del Loch Nevis, in Scozia, e non c'è nemmeno un strada che arrivi da quelle parti. Gli unici modi per raggiungerlo sono una traversata in traghetto di dieci chilometri partendo da Mallaig, sull'altra sponda del fiordo, oppure un'escursione di 30 chilometri dal parcheggio più vicino. Gli sforzi vengono ricompensati da una vasta selezione di birre prodotte nella zona.

Prima di tentare l'ascesa all'Everest, gli scalatori possono fare tappa nell'ultimo avamposto civilizzato dell'Himalaya, Namche Bazar, un villaggio nepalese a 3440 metri di quota. Qui trovano eventuali rifornimenti per la spedizione e il bar più alto del mondo, ribattezzato semplicemente Irish Pub, che offre whiskey, birre alla spina e bevande locali, e un punto di incontro per avventurieri e sherpa.