Dettaglio del poster - Foto: Netflix
Dettaglio del poster - Foto: Netflix

Roma, 16 settembre 2020 - Prima o poi i segreti vengono a galla e le corde tese si spezzano: mercoledì 16 settembre Netflix pubblica in streaming la terza e ultima stagione della serie TV 'Baby', ispirata alla storia vera del giro di prostituzione minorile che nel 2013 ha travolto la Roma bene. Scopriremo dunque come verranno riannodati tutti i fili della trama e come termineranno le vicende che ruotano attorno a Chiara (interpretata da Benedetta Porcaroli) e Ludovica (Alice Pagani). Chi ha visto i nuovi episodi ne ha parlato bene, anche se restano lontani gli entusiasmi tributati a 'SKAM Italia', da molti considerato il titolo di riferimento per il racconto degli adolescenti.

Baby, il finale della serie TV

'Baby' è stata la seconda serie TV italiana prodotta da Netflix dopo 'Suburra - La serie': la prima stagione, composta da sei episodi, ha debuttato il 30 novembre 2018, mentre la seconda (sempre di sei episodi) il 18 ottobre 2019. Prendendo spunto dallo scandalo delle prostitute minorenni dei Parioli, 'Baby' ha provato a raccontare l'adolescenza da un punto di vista relativamente inedito, per la produzione televisiva italiana, mettendo al centro della trama il desiderio di trasgressione dei giovani e i loro angoli più cupi e destabilizzanti.

La critica ha sentenziato che il risultato finale non è stato il migliore possibile e che il materiale scottante procurato dalla vera storia delle baby squillo è un po' sfuggito di mano agli autori della serie TV. La domanda, dunque è: la stagione 3, che chiama in causa le vicende processuali, avrà fornito l'occasione di correggere il tiro? E a proposito di autori, ricordiamo che la sceneggiatura è farina del sacco dei giovani Antonio Le Fosse, Eleonora Trucchi, Marco Raspanti, Giacomo Mazzariol e Re Salvador, che insieme formano il collettivo GRAMS e che hanno lavorato accanto a Isabella Aguilar e Giacomo Durzi. La regia dei vari episodi è invece stata curata da Andrea De Sica, Letizia Lamartire e Antonio Le Fosse.

Il trailer

Baby: le recensioni e come guardare la stagione 3

La terza stagione è composta da otto episodi, due in più rispetto a quelli della prima e seconda, che Netflix pubblica in streaming il 16 settembre consigliandone la visione ai maggiori di 14 anni. I critici italiani che hanno potuto vederli in anteprima hanno sentenziato che c'è stato un sensibile miglioramento rispetto alle prime due stagioni e che gli sceneggiatori hanno dimostrato di avere fatto tesoro dell'esperienza pregressa, ispirandosi anche alla ben più riuscita serie TV 'SKAM Italia' (anch'essa su Netflix e modello imprescindibile per il racconto dell'adolescenza). Resta però un neo, cioè la tendenza a esasperare le dinamiche dei giovani protagonisti, che rischiano spesso di diventare un grumo di tormenti un po' stereotipato.

Leggi anche:
- Skam Italia, torna su Netflix la serie TV amata dai teenager
- Le strade del male, il film Netflix con Tom Holland
- Dune, online l'attesissimo e spettacolare trailer del film