Una scena di 'Avengers: Endgame' - Foto: Marvel Studios
Una scena di 'Avengers: Endgame' - Foto: Marvel Studios
'Avengers: Endgame' è stato un trionfo di pubblico e critica, ma c'è anche chi non l'ha amato per colpa di quella che, a suo dire, è un'eccessiva presenza di donne, abbracci e smancerie varie: così un anonimo utente di Internet ha rimontato il film dei supereroi Marvel in modo da eliminare tutti questi elementi e l'ha poi reso disponibile attraverso i siti di download. Il titolo dell'opera non lascia spazio a dubbi: 'Avengers Endgame De-Feminized Edit', conosciuto anche come 'Anti-Cheese-Cut' (cioè il montaggio anti-sdolcinatezze). Ovviamente, le polemiche sono fioccate numerose.

AVENGERS: ENDGAME, IL FILM SENZA DONNE
La statunitense NPR ha stilato una lista di modifiche, potendo anche contare su una breve presentazione scritta postata dall'anonimo utente insieme al film rimontato. Scopriamo così che è scomparso il personaggio di Brie Larson, cioè Captain Marvel, che Tony Stark "non chiede più a sua moglie il permesso di salvare l'universo" e che Occhio di Falco non insegna più alla figlia come si tira con l'arco, perché, scrive ancora il rimontatore, "le giovani ragazze dovrebbero imparare a essere buone mogli e madri".

Va da sé che gran parte delle donne sono state eliminate dalla mastodontica battaglia finale ("perché dovrebbero essere a casa a badare ai figli") e che la signora delle arti mistiche, colei che per secoli ha protetto la Terra, ora consegna la gemma del tempo a Hulk perché "è spaventata da lui".

NIENTE ABBRACCI E POCO BLACK PANTHER
La crociata contro il film ha anche preso di mira, citiamo, "le schifezze gay, i riempitivi noiosi e i momenti nei quali ci si annusa le proprie scoregge". Di conseguenza ecco eliminati gli abbracci fra maschi, i momenti nei quali gli eroi sono affranti o confidano le proprie insicurezze agli amici e via di questo passo.

Già che c'era, l'anonimo rimontatore ha anche ridotto grandemente il ruolo di Black Panther ("Non è poi così importante"), in questo modo rivelando probabilmente di essere un maschio bianco.

NON È LA PRIMA VOLTA
La nuova versione di 'Avengers: Endgame' non è un fulmine a ciel sereno: un paio di anni fa era girato un montaggio di 'Star Wars: gli ultimi Jedi' che aveva eliminato tutte le scene nelle quali le donne prendono decisioni, danno ordini, combattono o forniscono soluzioni a degli impasse. Il minutaggio finale era stato ridotto a meno della metà.

LA PAURA DI PERDERE IL CONTROLLO
Suzanne Scott, docente presso l'Università del Texas e interpellata da NPR, ritiene che il due rimontaggi si inseriscano in un contesto particolare: negli ultimi anni "la cultura nerd è passata dall'essere un fenomeno marginale all'essere mainstream. Di fronte a questo cambiamento alcuni, e sottolineo che si tratta di una piccola percentuale di persone, composta da maschi eterosessuali bianchi, ritengono che la cultura sulla quale rivendicano una proprietà si stia allontanando da loro, diventando più grande e diversificata".

È un'osservazione apre il discorso a considerazioni di tipo sociologico e antropologico che non possiamo analizzare in questa sede, ma che hanno evidentemente una ricaduta sulla politica: molti commentatori statunitensi hanno collegato l'idea di rimontare 'Avengers: Endgame' al linguaggio utilizzato da Donald Trump per conquistare il proprio elettorato.

Leggi anche:
- Hunger Games: i pro e i contro del prequel
- Game of Thrones: Lena Headey sulla morte di Cersei
- I cani ci parlano con gli occhi, ecco perché