Foto: Marvel Studios/Disney Enterprises/Annapurna Pictures
Foto: Marvel Studios/Disney Enterprises/Annapurna Pictures

Negli Stati Uniti e in particolare a Hollywood è molto sentita la questione della rappresentanza di genere e di etnia su grande schermo: nasce da qui l'interesse per le indagini statistiche dedicate alle stagioni cinematografiche. La più recente, condotta dal Center for the Study of Women in Television and Film, ci ha regalato una buona notizia: nel corso del 2019 le protagoniste donne hanno raggiunto una quota record. Peccato che questa cifra sia determinata in modo soverchiante da personaggi bianchi e che le altre etnie restino largamente sottorappresentate.

Record di donne nei film di Hollywood

I dati dicono che il 40% dei film che hanno meglio incassato nel corso del 2019 avevano protagoniste donne, con una crescita del 9% rispetto all'anno precedente. Rientrano in questo 40% film come 'Maleficent - Signora del male' e 'Captain Marvel', il cui cast principale è dominato dalle attrici. C'è poi un ulteriore 17% di pellicole che hanno un cast equamente suddiviso in ruoli maschili e femminili, come ad esempio 'Avengers: Endgame'. Il restante 43% è invece tutto in mano agli uomini. Il Center for the Study of Women in Television and Film conduce questo tipo di analisi sin dal 2002 e dunque è interessante notare che in quel momento il numero di blockbuster con protagoniste donne raggiungeva solamente la quota del 16%.
 

Donne bianche, soprattutto

L'aspetto negativo di questa notizia è che il grosso del 40% è rappresentato da attrici bianche, superstar del calibro di Brie Larson, Angelina Jolie, Renee Zellweger, Scarlett Johansson e Margot Robbie. Più nel dettaglio: nel 68% dei casi l'attrice è bianca e caucasica, nel 20% è afroamericana, nel 7% è asiatica e nel 5% latina.

Ulteriore e significativo dato: i film che sono stati diretti da una donna, o con almeno una donna alla sceneggiatura, nel 58% dei casi hanno anche avuto una protagonista al centro della trama. Quando invece regia e sceneggiatura erano al maschile, allora questa percentuale è scesa fino al 30%. Dati che nutrono le polemiche intorno al fatto che le nomination ai BAFTA 2020, così come i premi dei Golden Globe 2020, hanno sostanzialmente trascurato la componente al femminile, per esempio nelle categorie riservate al miglior film e alla migliore regia.

Leggi anche:
- Golden Globe 2020, cinema: tutti i vincitori
- Golden Globe 2020, serie TV: tutti i vincitori
- BAFTA 2020, le nomination guidate da 'Joker'