Dario Argento (80 anni) con la figlia Asia
Dario Argento (80 anni) con la figlia Asia
"È stata la prima e l’ultima volta che ho fatto l’attore", dice Dario Argento, a Cannes, poche ore dopo la prima mondiale di Vortex, il film di Gaspar Noé che è stato presentato, in priezione praticamente notturna, nella sezione Cannes Première, e che ha ricevuto un’accoglienza molto calorosa. Il film racconta il percorso di due anziani, lei travolta alla demenza senile, lui critico cinematografico che sta preparando un libro su cinema e sogno, su Fellini e Buñuel. Il vortice del titolo è quello della degenerazione,...

"È stata la prima e l’ultima volta che ho fatto l’attore", dice Dario Argento, a Cannes, poche ore dopo la prima mondiale di Vortex, il film di Gaspar Noé che è stato presentato, in priezione praticamente notturna, nella sezione Cannes Première, e che ha ricevuto un’accoglienza molto calorosa. Il film racconta il percorso di due anziani, lei travolta alla demenza senile, lui critico cinematografico che sta preparando un libro su cinema e sogno, su Fellini e Buñuel. Il vortice del titolo è quello della degenerazione, mentale e fisica, della coppia, della vita di lei, della vita insieme.

Perché, Argento, la prima e l’ultima volta?

"Perché avrei potuto farlo solo per un grande amico come Gaspar Noé. Un regista bizzarro, originale, interessante, mai banale. All’inizio, in realtà, non volevo farlo".

E come la ha convinta Noé? "Dicendomi che sarebbe stato quasi tutto improvvisato. Mi ha dato la responsabilità di raccontare la vecchiaia a modo mio. La sceneggiatura erano una decina di paginette, niente di più. Il resto è nato tutto sul set. Mi ha dato carta bianca per inventare i dialoghi, e tutto è diventato molto vero".

Ha qualche cosa di vero anche il fatto che, nel film, lei interpreti un critico cinematografico: il suo primo lavoro,negli anni Sessanta…

"Sì, è una cosa che appartiene alla mia vita. Abbiamo girato una riunione di redazione con tutti i più grandi critici cinematografici francesi, ed è stata una scena bellissima, in cui abbiamo parlato di cinema a tutto campo. Poi quella scena è stata in gran parte tagliata, ma sono molto felice di aver parlato di cinema in quel modo".

Ma come si è trovato a fare l’attore? Ci è voluto coraggio per mostrarsi a nudo, psicologicamente e un po’ anche fisicamente?

"È stata un’avventura molto bella. No, non c’è stato bisogno di avere coraggio: mi sono fidato di Gaspar. E l’applauso della notte scorsa è stato il premio più grande".

Adesso le è venuto il rimpianto di non aver fatto l’attore anche prima?

"No no, non ci ho mai pensato nella mia vita, e neppure adesso ho questo tipo di desiderio, o di rimpianto. Ho fatto i film che ho voluto, meglio che ho potuto, e sono molto felice di questo".

Ha fatto il red carpet insieme a sua figlia Asia. Eravate molto teneri: lei ha 80 anni, Asia 45 e sembrava quasi volesse proteggerla sotto la propria ala…

"Asia è diventata la più forte, fra noi due: è in un momento in cui è bellissima, fortissima, fiera. È bello camminare insieme a lei, in qualche modo protetti da lei. Ed è bello sentire i fotografi che gridano i nostri nomi insieme, in quello strano momento di eccitazione che è il red carpet".

Giovanni Bogani