Aretha Franklin in 'The Blues Brothers' (da youtube)
Aretha Franklin in 'The Blues Brothers' (da youtube)

Detroit, 16 agosto 2018  - La regina del soul, Aretha Franklin, è morta nella sua casa di Detroit all'età di 76 anni. La cantante è deceduta dopo una lunga malattia. L'annuncio è stato fatto dalla sua portavoce Gwendolyn Quinn. Aretha Franklin era affetta da un cancro al pancreas. 

Simbolo della musica e della cultura nera, conquistò la celebrità grazie alla sua forte personalità, con un carattere non sempre facile, e soprattutto alla voce sublime. Aretha era nata a Memphis il 25 marzo 1942. 

image

Tra i suoi successi indimenticabili ci sono Respect e Think (che cantò anche nel film The Blues Brothers). La sua ultima esibizione è stata lo scorso novembre a New York, al gala della fondazione di Elton John per la lotta all'Aids. Invece era salita per l'ultima volta su un palco per un concerto nel giugno 2017. 

image

Impegnata anche politicamente, nel 2009 aveva cantato per l'insediamento di Barack Obama alla Casa Bianca, rifiutandosi poi di farlo per Donald Trump.

image

I suoi sessant'anni di carriera si sarebbero dovuti celebrare a New York il prossimo novembre, festeggiando un artista che ha collezionato 18 Grammy e venduto oltre 75 milioni di dischi. E' stata nel 1987 la prima donna ad entrare nella Rock and Roll Hall of Fame.  

Nata nel 1942 è diventata una delle icone della musica gospel, soul e R&B. Grazie alla sua voce potente, autentica e vibrante.  Figlia di un predicatore battista, ragazza madre a 14 anni, nera e donna, Aretha Franklin ha dovuto lottare duramente per affermarsi nella perbenista e razzista America di fine anni '50. La canzone che forse meglio la rappresenta è Respect scritta da Otis Redding. 

Star e personaggi politici stanno esprimendo in queste ore il cordoglio per la perdita di Aretha. Dai Clinton, Bill e Hillary, a Paul McCartney, Lionel Richie, John Legend e Carole King.

Bill Clinton: "Hillary e io piangiamo la perdita della nostra amica Aretha Franklin, uno dei più grandi tesori nazionali d'America. Era elegante, aggraziata e dal grande talento artistico. Sarò sempre grato per la sua gentilezza e il suo sostegno, comprese le sue esibizioni sia durante le mie celebrazioni inaugurali, sia per essere stata presente in quella che si è rivelata la sua ultima esibizione lo scorso novembre nel corso di una cerimonia per la raccolta di fondi per la lotta contro l'hiv". 

"La sua voce, la sua presenza, il suo stile. Nessuno ha fatto meglio. Davvero la Regina del soul. Mi mancherai" sono le parole di Lionel Richie affidate a Twitter.

Beyonce ha annunciato che dedicherà il concerto in programa oggi a Dertroit all'artista scomparsa. Toccante il ricordo di Paul McCartney: "Prendiamoci un momento per rendere grazie per la bellissima vita di Aretha Franklin, la regina delle nostre anime, che ci ha ispirato per molti anni. Ci mancherà, ma il ricordo della sua grandezza come musicista e come bellissimo essere umano vivrà con noi per sempre". 

Barbra Streisand su Instagram non dimentica l'esibizione che le ha unite nel 2012. "E' difficile pensare ad un mondo senza di lei. Non solo era una cantante eccezionalmente brillante, ma il suo impegno per i diritti civili ha avuto un impatto indelebile sul mondo".

Annie Lennox, che ha lavorato con Aretha nel 1985, scrive: "la Franklin era semplicemente impareggiabile. Ha regnato sovrana e rimarrà nel piu' alto firmamento delle stelle come la più eccezionale cantante, performer e artista discografica che il mondo abbia mai avuto. I superlativi sono spesso usati per descrivere i cantanti sorprendenti ma a mio avviso, anche i superlativi non possono essere sufficienti".

E anche l'attuale presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, a cui la cantante aveva detto no per l'esibizione per il suo insediamento alla White House, ha reso oggi omaggio alla leggenda della musica nera. "La Regina del Soul, Aretha Franklin, è morta. E' stata una grande donna, con un meraviglioso dono di Dio, la sua voce. Ci mancherà!" ha twittato The Donald.

Su Instagram Elton John ha reso omaggio alla Franklin come "la più grande artista soul di tutti i tempi. La perdita di Aretha Franklin è un duro colpo per tutti coloro che amano la vera musica: la musica dal cuore, dall'anima e dalla Chiesa", ha scritto detto il musicista inglese.  "La sua voce era unica, la sua interpretazione del pianoforte era sottovalutata", e poi ha aggiunto: "L'adoravo e adoravo il suo talento". 

 

The loss of Aretha Franklin is a blow for everybody who loves real music: Music from the heart, the soul and the Church. Her voice was unique, her piano playing underrated – she was one of my favourite pianists. I was fortunate enough to spend time with her and witness her last performance – a benefit for the Elton John AIDS Foundation at St John The Divine Cathedral. She was obviously unwell, and I wasn’t sure she could perform. But Aretha did and she raised the roof. She sang and played magnificently, and we all wept. We were witnessing the greatest soul artist of all time. I adored her and worshipped her talent. God bless her. My condolences to all her family and friends. We shared the same birthday – and that meant so much to me. The whole world will miss her but will always rejoice in her remarkable legacy. The Queen is dead. Long live the Queen. @arethasings #RIP #ArethaFranklin #QueenOfSoul @ejaf

Un post condiviso da Elton John (@eltonjohn) in data:

Barack Obama, molto legato alla cantante, piange così la sua scomparsa: "L'America non ha i reali. Ma abbiamo la fortuna di avere qualcosa di più duraturo". La "regina del soul", la cui voce "aveva la grazia di far intravedere il divino". "Aretha ha aiutato a definire l'esperienza americana. Attraverso la sua voce sentivamo la nostra storia.. il nostro potere e il nostro dolore, l'oscurità e la luce, la nostra ricerca di redenzione e rispetto. Ci ha aiutato a sentirci più uniti agli altri. E a volte ci aiutava a dimenticare tutto e danzare. Il dono della sua musica rimarrà per ispirarci. Possa la Regina del Soul riposare in pace, conclude Obama, assieme alla moglie Michelle.