Nella Casa del volontariato di Carpi come risposta alla pandemia ha aperto il ’Museo della Felicità’, la dimora di un sentimento che l’attualità ha fatto un po’ smarrire. Sulle pareti del primo piano un condensato di foto ricordo unite da un filo conduttore: sogni rubati, oggetti che strappano un sorriso, volti di persone di tutte le età. Legata all’ideazione del Museo, la Casa del Volontariato ha dato vita anche al progetto Yarn Bombing (o Urban knitting, fare la maglia urbana), ovvero vestire gli alberi con stoffe e tessuti colorati.