Un cane
Un cane

Roma, 16 marzo 2021 - Georgia Brown, capo del dipartimento che sviluppa i contenuti originali di Amazon Studios per l'Europa, ha annunciato l'avvio della produzione del primo film italiano prodotto dal colosso dello streaming (insieme a Notorious Pictures): si intitola 'Anni da cane', è una commedia young adult con risvolti romantici e uscirà nell'autunno 2021 su Prime Video.

Anni da cane: primo film italiano Amazon Original

In base alla sinossi ufficiale la trama ruota attorno a Stella, una sedicenne fantasiosa, un po' goffa, cinica e tormentata come lo sono molte sue coetanee. Un giorno un incidente che coinvolge un cane la convince a "contare la sua età in anni da cane: un anno della sua vita vale sette" e questo significa che è ormai quasi centenaria. "Stella pensa che non le resti molto da vivere e scrive una lista dei desideri di tutte le cose che vorrebbe fare prima di morire". Grazie all'aiuto dei suoi migliori amici inizia a correre, senza concedersi perdite di tempo. L'incontro casuale con il timido Matteo "le farà dubitare di tutto e cambierà completamente la sua prospettiva sulle cose".

La sceneggiatura di 'Anni da cane' (titolo internazionale: 'Dog Years') è stata scritta da Mary Stella Brugiati e Alessandro Bosi, mentre la regia sarà curata da Fabio Mollo, che ha in curriculum film come 'Il sud è niente' e 'Il padre d'Italia' e anche episodi delle serie TV 'Tutto può succedere', 'Come quando fuori piove' e Curon'. Non sono trapelate indiscrezioni sul cast.

Georgia Brown ha commentato la notizia dicendo che 'Anni da cane' si "aggiunge alla nostra interessante serie di show attualmente in produzione in Italia, tra i quali 'Bang Bang Baby', 'Everybody Loves Diamonds' e 'Vita da Carlo'. Questa è una storia affascinante e speriamo che diventi un film imperdibile per gli abbonati a Prime Video di tutto il mondo".

Leggi anche:
- 'Quello che tu non vedi': il film romantico di Amazon Prime Video
- Oscar, nomination: 'Promising Young Woman' e violenza di genere
- Netflix e condivisione account, il colosso dello streaming studia modifiche