Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
27 apr 2022

Questo altoparlante è sottile come un foglio di carta

Gli ingegneri del MIT hanno sviluppato un altoparlante sottile come la carta che può trasformare qualsiasi superficie in una sorgente capace di riprodurre suoni

27 apr 2022
Il nuovo sottilissimo altoparlante dal sito del MIT
Il nuovo sottilissimo altoparlante dal sito del MIT
Il nuovo sottilissimo altoparlante dal sito del MIT
Il nuovo sottilissimo altoparlante dal sito del MIT

Ascoltare suoni perfetti grazie a un altoparlante super sottile che pesa quanto una moneta di un centesimo, può essere facilmente trasportata ovunque e consuma una minuscola quantità di energia. Grazie agli scienziati del MIT, il Massachusetts Institute of Technology con sede a Cambridge, un sistema del genere potrebbe presto diventare realtà e cambiare gli scenari nel mondo dell’audio.

Il nuovo altoparlante sviluppato dagli scienziati del MIT
"È straordinario prendere quello che sembra un sottile foglio di carta, attaccargli due clip, collegarlo alla porta delle cuffie del computer e iniziare a sentire i suoni. Può essere usato ovunque. Basta un pizzico di energia elettrica per gestirlo". Le parole di Vladimir Bulovic, direttore del MIT.nano e a capo del progetto di ricerca, lasciano intendere molto bene quanto possa rivelarsi rivoluzionaria l’invenzione degli scienziati americani.
Il tool è grande come una mano, pesa come una monetina ma è capace di riprodurre suoni con una distorsione minima utilizzando solo una piccola quantità di energia rispetto a un altoparlante tradizionale.

Come funzionano i nuovi altoparlanti
Un comune altoparlante che si trova nelle cuffie o in un sistema audio utilizza il passaggio di corrente elettrica attraverso una bobina a filo per generare un campo magnetico: questo a sua volta muove una membrana dell'altoparlante, che sposta l'aria sopra di essa e produce quindi il suono che sentiamo.
Gli altoparlanti di più recente produzione utilizzano solitamente una sottile pellicola di un materiale piezoelettrico sagomato che si muove quando viene applicata tensione, sposta l'aria sopra di esso e genera il suono. Il problema di questi altoparlanti molto sottili è che devono piegarsi liberamente per produrre un suono, rendendo impossibile il montaggio su una superficie dura, perché questa ne impedirebbe la vibrazione e, quindi, la capacità di generare i suoni.
Per ovviare a questo problema, gli scienziati del MIT, piuttosto che far vibrare l'intero materiale, sono riusciti a realizzare delle minuscole cupole (alte 15 micron, circa un sesto dello spessore di un capello umano) applicate su un sottile strato di materiale piezoelettrico e che vibrano individualmente. Queste cupole sono circondate da strati distanziatori sulla parte superiore e inferiore della pellicola che le proteggono e consentono di vibrare liberamente e produrre i suoni ad altissima qualità.

Si potrebbe usare per tappezzare una stanza o all’interno delle macchine
Il nuovo altoparlante dovrebbe avere un utilizzo concreto nella vita di tutti i giorni. Potrebbe, ad esempio, essere usato per tappezzare una stanza di casa, quella di un cinema o di un teatro, consentendo la produzione di un suono armonico, puro e ad altissima qualità senza intaccare la quantità di spazio a disposizione. Una necessità che potrebbe essere molto importante anche all’interno delle auto o nelle cabine degli aerei, dove lo spazio è molto più limitato.
Il dispositivo, inoltre, potrebbe agevolmente essere montato sui device mobili che vengono alimentati a batteria. Si tratta, infatti, di apparecchi ad alta efficienza energetica. Il nuovo altoparlante richiede solo circa 100 milliwatt di potenza rispetto a un comune altoparlante domestico, che consuma in media più di 1 watt di per generare la stessa potenza.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?