L'orologiaio supereroe Adrian (Ansa)
L'orologiaio supereroe Adrian (Ansa)

Roma, 21 gennaio 2019 – Attesa e mistero per ‘Adrian’, la nuova serie tv animata con protagonista Adriano Celentano. La graphic novel è articolata in nove puntate in onda da stasera su Canale 5 alle ore 21.34 (domani 22 gennaio il secondo appuntamento e poi tutti i lunedì sera). La serie evento sarà presentata all’interno di uno show dal vivo, in diretta dal teatro Camploy di Verona. Ma sul contenuto di questo spettacolo vige il massimo riserbo: nessuno sa cosa accadrà sul palco, né se il ‘Molleggiato’ apparirà a quasi sette anni dalle ultime performance in tv. Negli ultimi giorni è circolata anche la voce di un forfait del ‘Ragazzo della via Gluck’ ma sembra solo una trovata pubblicitaria visto che poi, sul piccolo schermo, l’ipotetico abbandono di Celentano è diventato il fulcro del nuovo promo della serie tv con Nino Frassica che dovrebbe essere tra gli artisti dello show (tra gli altri ci dovrebbero essere anche Michelle Hunziker, Teo Teocoli e Ambra Angiolini).

Adrian, ascolti boom per Celentano. La trama e quando vedere la seconda puntata

Intanto, via social, arrivano indicazioni più precise riguardo ai personaggi del film d'animazione con protagonista l’orologiaio Adrian, un Celentano ringiovanito (disegnato da Milo Manara) che vive in una metropoli futuristica e grigia governata da poteri corrotti. Ma i suoi ideali lo trasformeranno un una sorta di giustiziere in lotta contro la violenza, l’omologazione e il consumismo. Al fianco di Adrian c’è Gilda, la sua ragazza (che vagamente assomiglia a Claudia Mori). ‘Anidride e Carbonica’ sono, invece, le ‘ragazze’: una dimentica tutto, l’altra non sente quasi più nulla. “Sagge e sbadate sono il conforto, la guida, l’oracolo e il vassoio di thè coi biscotti che guidano Adrian nei momenti più difficili” si legge sul profilo ufficiale Instagram della serie tv.

Orso e Carbone’ sono due agenti molto speciali, sempre in coppia e sempre con gli occhiali scuri. “Sono i ‘guardiani del Potere’ e si fanno rispettare (si fa per dire) tra ceffoni, corse col fiatone e battute spiazzanti” recita il post Instagram. Il loro capo è l’Alto Commissario, che è convinto di dover proteggere il popolo ma ha solo un obiettivo: neutralizzare i dissidenti. ‘Dranghestein’ è il cattivo: “vorace e spietato, a bassa voce chiamo il Dissanguatore”. Vive in un grattacelo da dove osserva e tesse le sue trame spregiudicate che avvelenano l’ambiente, la società e i cuori delle persone.

Il 'Capo del Governo' (non ha nome ma solo la carica) è colui che comanda tutti e teme soltanto Dranghestein. La cittadina è guidata dal ‘Sindaco’, un uomo “idealista e incorruttibile che non ha vita facile nel mediare tra il bene della sua gente e gli interessi del Potere”. Accanto a lui troviamo Margherita, la sua assistente e più fedele alleata. Tra gli altri personaggi ci sono, poi, Marco (il genio del computer 14enne, idealista, cocciuto e ribelle), Johnny Silver (la rockstar capricciosa e narcisista che è il Potere utilizza per distrarre e divertire le masse), mentre Oscar è il cronista di punta delle ‘Verità Quotidiane’, l’unico giornale critico nei confronti del ‘potere’.