René Redzepi, chef del Noma di Copenaghen eletto migliore ristorante del mondo
René Redzepi, chef del Noma di Copenaghen eletto migliore ristorante del mondo

Dopo l'edizione saltata nel 2020, è stata svelata la nuova classifica dei World's 50 Best Restaurants, i migliori ristoranti di alta cucina del mondo. A trionfare è il celebre Noma di Copenaghen di René Redzepi, eletto re della gastronomia planetaria da una giuria composta da mille chef, giornalisti ed esperti. La capitale danese diventa così la mecca dei gourmet, conquistando anche la seconda posizione con il Geranium. Terzo l'Asador Etxebarri dei Paesi Baschi, in Spagna.

Per il Noma si tratta del quinto alloro, dopo quelli conquistati nel 2010, 2011, 2012 e 2014. A partire dal 2018 i vincitori del 50 Best Restaurants vengono inseriti in una hall of fame a parte, la Best of the Best, ed esclusi così dalla competizione ufficiale, in modo da garantire una maggiore imprevedibilità e da permettere anche ad altri ristoranti di ambire al gradino più alto del podio: è in questa selezione che si trovano i titolati delle scorse edizioni, l'Osteria Francescana, elBulli (ormai chiuso da anni), El Celler De Can Roca, The Fat Duck, The French Laundry, Eleven Madison Park e Mirazur, ultimo trionfatore in ordine di tempo nel 2019. Il successo del Noma è stato reso possibile dal fatto che il ristorante di chef Redzepi ha riaperto nel 2018 in una sede completamente nuova, rientrando quindi ancora una volta fra gli eleggibili.

Per l'alta cucina italiana la notizia più bella è il debutto in classifica del Lido 84 di Riccardo Camanini direttamente in quindicesima posizione. Sono presenti poi il Piazza Duomo dello chef Enrico Crippa alla 18, Le Calandre di Massimiliano Alajmo alla 26 e il Reale di Niko Romito alla 29. Fuori dalla classifica dei migliori cinquanta figurano poi l'Uliassi alla posizione 52 e il St. Hubertus alla 54.