Roma, 4 giugno 2014 - Una valanga di mail di protesta stanno subissando la Lega Nord dopo la presa di posizione del partito di Salvini in Trentino. In quella zona i leghisti hanno formalmente richiesto di allontanare immediatamente gli orsi in particolare dal Monte Baldo, nella zona sulla riva destra del Garda, ai confini col Veneto.

A sottoscrivere questa richiesta, i consiglieri provinciali trentini della Lega Maurizio Fugatti e Claudio Civettini. I due esponenti del Carroccio vogliono, in buona sostanza, rivedere l'intero progetto 'Life Ursus', di reintroduzione dei plantigradi in Trentino, per ovviare al fatto che "la presenza dell'orso sul territorio trentino da tempo sta creando sempre più malumore, soprattutto fra coloro che svolgono attività legate all'alpeggio e all'agricoltura. Nonostante i turisti - prosegue la Lega in una nota - siano certamente incuriositi dalla presenza del plantigrado, così non è per i residenti che ogni giorno lamentano la carenza di misure atte a ridimensionare i danni provocati da questo animale e di piani per salvaguardare fisicamente le stesse persone. Diversi appassionati del bosco, fungaioli e famiglie si dichiarano non più liberi di trascorrere i fine settimana tra la flora del Trentino. Per non parlare degli allevatori che sono ormai stanchi di trovarsi capi di bestiame ghermiti dall'orso". 

Non è di molto tempo fa l'organizzazione, sempre in Trentino, di un banchetto annunciato a base di carne di orso. E gli organizzatori erano sempre esponenti del Carroccio e in particolare da Fugatti.  L'appuntamento poi saltò ma solo per l'intervento del Corpo Forestale dello Stato e dei Nas che sequestrarono un'ingente quantità di carne proveniente dalla Slovenia e sprovvista dei  controlli previsti dalla legge. Ora la Lega ci riprova ad attaccare gli orsi ma, ci si augura, senza alcun successo. Con centinaia di mail i cittadini di tutta Italia sollecitano il Trentino a rigettare la proposta. Allo stesso tempo i messaggi esprimono sdegno per l'iniziativa del Carroccio e sostegno al progetto di ripopolamento.

Per contatti con la nostra redazione: animali@quotidiano.net