Washington, 21 dicembre 2013 - I bruchi di due specie di farfalle in Colorado e California si sono evoluti per alimentarsi a temperature più alte e in un range più ampio rispetto agli ultimi quattro decenni. Lo studio, pubblicato sulla rivista "Functional Ecology", suggerisce che questi insetti si stanno rapidamente evolvendo per fronteggiare un clima variabile e più caldo. La ricerca è stata condotta da Joel Kingsolver della University of North Carolina a Chapel Hill. 

I risultati dello studio hanno mostrato che due specie affini di farfalle Colias si sono adattate alle variazioni climatiche in due modi: ampliando la gamma di temperature ideali di alimentazione e spostando la loro temperatura di alimentazione ottimale a un valore superiore. Nel loro lavoro, gli scienziati hanno misurato i cambiamenti climatici registrati presso i due siti di studio e quindi hanno esaminato i cambiamenti intervenuti nel nutrimento dei bruchi utilizzando dati attuali e storici accumulati dal 1970.
Per contatti con la nostra redazione: animali@quotidiano.net