IL VENETO DEL PROSECCO

Le bollicine italiane più famose al mondo: Prosecco, Prosecco e ancora Prosecco, magari in versione rosè.

È fresco di debutto sul mercato la versione in rosa del prosecco Treviso Doc di Cà di Rajo, maison trevigiana di Alessio, Fabio e Simone Cecchetto. Le uve Glera qui in blend con Pinot nero al 10%, in versione charmat lungo in autoclave per 90 giorni, propongono un sorso finissimo e persistente. Al naso rivela note di rosa, frutti di bosco freschi e fragoline. Di buona struttura, equilibrato e sapido, al palato esce  gradevole e armonico, grazie anche al ridotto tenore zuccherino (8 grammi). Di bel rapporto qualità/prezzo (9.20 euro sullo shop on line www.cadirajo.it ) 

Punta diritto ai brindisi (e agli aperitivi) delle feste il Prosecco Valdobbiadene Superiore Docg La Gioiosa. è un Extra Dry, quindi morbido al gusto (17 grammi di zucchero).  Da decenni sulle tavole dei consumatori, La Gioiosa rappresenta il punto d’incontro fra la tradizione del vino veneto più celebre al mondo e la terra del Prosecco, patrimonio Unesco. Bollicine fragranti e cremose, bouquet fruttato con note di mela golden, perlage fine e persistente. (prezzo a scaffale Gdo 6,90 euro).  

Ha trionfato alla più importate competizione mondiale delle bollicine il Valdobbiadene Prosecco Docg Extra Dry Millesimato   2019 di Follador, nona generazione di una maison con 250 anni di storia. Aperitivo per eccellenza, ottimo su pesce crudo e crostacei, va nitido al naso con mela golden, pesca, pera e sentori floreali di glicine, al gusto fragrante ed equilibrato. (in cofanetto per sostenere la Onlus Vialli e Mauro contro Sla e cancro oppure 14,90 euro  sullo shop on line www.folladorprosecco.com)

 

I BIANCHI DEL FRIULI

Friuli, ovvero brindisi a  trazione bianchista. Tenuta Villanova è azienda storica del Collio Goriziano a pochi chilometri dalla Slovenia. Vini e distillati artigianali dalle vigne poste esattamente al centro tra DOC Isonzo e DOC Collio. Due le linee, quindi, Isonzo e Collio. Da queets’aultima scegliamo il Friulano 2019, vino-simbolo della maison. Color giallo carico, bel naso di fiori di campo con note burrose. Al gusto è intenso, vellutato, con retrogusto lieve di mandorla. Da abbinare a formaggi freschi e prosciutto crudo di San Daniele, ma anche su aragosta e crostacei. Affinato in acciaio e al 10% in tonneaux di rovere. Da servire a 12°. (12 euro in enoteca). 

Sempre dal Collio un altro classico friulano, il Sauvignon. Borgo Conventi è sinonimo di vini raffinati ed eleganti, dalla precisa identità territoriale ed alta espressione varietale, in equilibrio tra struttura e piacevolezza.  Entrata da poco nel gruppo Moretti Polegato , la tenuta propone questo Sauvignon 2019, vitigno  francese di origine ma radicato in casa nostra, affinato solo in acciaio sulle fecce fino a primavera. Sentori erbacei e frutta fresca al naso, al gusto solido, asciutto, con finale amarognolo. Grande persistenza e potenzialmente longevo. (12,50 euro sullo shop on line  borgoconventi.it).