Con il sostegno di:

Vermentino Grand Prix: ecco la Top Ten 2022 della Maremma Toscana

Le Terme di Saturnia hanno ospitato la terza edizione del concorso dedicato al vino Doc per eccellenza del territorio

maremma toscana

Le Terme di Saturnia, location emblema della Maremma, hanno fatto da scenario alla terza edizione del Vermentino Grand Prix, organizzata dal Consorzio tutela vini della Maremma Toscana per promuovere il vino-bandiera del territorio. Dieci i vini selezionati: le migliori espressioni di questo vitigno in una terra ancora incontaminata, senza industrie, e proiettata a soddisfare i mercati internazionali.

“Il Vermentino Grand Prix nel breve arco di tre edizioni è già diventato un appuntamento importante di promozione per i produttori e per il brand Maremma; anche quest’anno abbiamo avuto la conferma che il Vermentino della denominazione ha una grande personalità non solo nella versione fresca e di facile beva ma anche in versioni più importanti con processi di vinificazione più complessi, tra i dieci migliori ci sono nove vini non di annata per esempio”, spiega Francesco Mazzei, presidente del Consorzio, aggiungendo che “l’obiettivo dell’iniziativa è quello di alzare l’asticella ed è evidente che abbiamo imboccato la strada giusta anche se c’è molto da lavorare”.

Il Vermentino Grand Prix coinvolge ogni anno in giuria tecnici del settore e ristoratori stellati della Maremma Toscana, a cui in questa edizione si è aggiunto anche un rappresentante delle enoteche più importanti della zona. L’idea portata avanti dal Consorzio è quella di fare sistema per promuovere il brand Maremma Toscana nel suo insieme.

Le 50 etichette proposte al panel dell’edizione 2022 hanno ottenuto nell’insieme il positivo riscontro dei giudici, che ne hanno sottolineato l’alto profilo qualitativo. La Top Ten conferma anche quest’anno una tendenza che si sta consolidando tra i produttori, cioè la vinificazione in purezza del Vermentino. “Una scelta che ben rappresenta la volontà di caratterizzare la propria produzione esaltando le particolarità che il vitigno esprime in questo specifico areale e nei diversi terroi”», spiega il direttore del Consorzio di tutela, Luca Pollini che aggiunge “Anche da questa edizione emerge un dato significativo che ci racconta una decisa preferenza verso i vini più complessi e maturi; questo è il giudizio espresso dai giudici tanto che nella Top 10 compare un solo 2021, così come nella scorsa edizione figurava un solo 2020”.

La Top Ten 2020 dei Vermentini Maremma Toscana Doc
  • Vermentino 2021 Acquagiusta Wine  (Tenuta La Badiola)
  • Perlaia 2020 (Azienda agricola Bruni)
  • Burattini 2020 (Azienda Guido F. Fendi)
  • Monnallegra 2020 (Argentaia)
  • Norcias 2020 (Colle Petruccio)
  • Audace 2020 (Cupirosso)
  • Leopoldino 2020 (Fattoria Il Casalone)
  • Matan 2020 (La Biagiola)
  • Solo 2020 (Tenuta 12)
  • Balbinvs 2020 (Terenzi)