Soltanto la bellezza, e non è di certo poca cosa, accomuna Emilia Romagna, Umbria e Veneto, le tre regioni in primo piano in questo numero di Itinerari. Così geograficamente vicine, eppur così lontane, ed è questo il grande stupore che si prova quando si va alla scoperta dell’Italia. D’altronde non è un caso che il nostro sia da sempre il paese dei campanili, delle forti identità, delle caratteristiche che mutano a breve distanza, dei mille dialetti che confluiscono in un’unica lingua come fossero gli affluenti di un grande fiume.

Questa diversità consente al viaggiatore di inseguire percorsi tra loro lontani qualunque sia la propria passione. Arte, benessere, cibo, natura ovunque si vada destano diversa meraviglia, quella che le eccellenze trasmettono a chi le incontra. Volendo azzardare si potrebbe dire che lo chef Niko Romito, abruzzese doc ed eletto miglior cuoco d’Europa nonché cinque stelle Michelin distribuite tra la terra natìa, Milano e la Cina, è la sintesi perfetta di quello che l’Italia esprime attraverso i propri figli, quella meglio gioventù che è il frutto di una grande cultura trasmessa una generazione dopo l’altra. Facendoci inorgoglire e a volte dimenticare quelle contraddizioni che pure segnano la nostra contradditoria società.