Con il sostegno di:

Toscana, 5 fiumi e torrenti in cui fare il bagno

Cascate, canyon e conche naturali lungo i corsi d'acqua: ecco 5 luoghi suggestivi in cui è possibile fare il bagno

5-fiumi-e-torrenti-in-cui-fare-il-bagno-in-toscana

Chi sceglie la Toscana per le vacanze e ha voglia di una nuotata rinfrescante ha diverse opzioni. La regione, infatti, non offre solo spiagge fra le più belle d’Italia, ma anche fiumi e torrenti. Che siano corsi d’acqua circondati da boschi e radure, alte cascate o piscine naturali, ecco 5 luoghi suggestivi attorno ai letti di fiumi e torrenti, in cui fare il bagno in Toscana.

1. Fiume Cecina

Non troppo lontano dalla cittadina medievale di Volterra scorre il fiume Cecina. Questo corso d’acqua non è interamente balneabile, ma è possibile tuffarsi e nuotare per un lungo tratto totalmente immerso nella natura incontaminata, tra boschi di alberi altissimi. Una delle zone più suggestive create dal letto del fiume Cecina è costituito dal cosiddetto Masso delle Fanciulle: qui si trovano due imponenti faraglioni di roccia che creano un laghetto naturale abbastanza profondo in cui potersi rilassare e nuotare.

2. Acquacheta

L’Acquacheta è un piccolo corso d’acqua che scorre al confine tra la Toscana e l’Emilia Romagna e attraversa il Parco delle Foreste Casentinesi. È stato Dante a rendere noto questo fiumiciattolo e soprattutto la sua cascata, descritta in uno dei canti della Divina Commedia. La cascata dell’Acquacheta si erge per circa 70 metri su una parete rocciosa. Oltre a essere un luogo in cui rinfrescarsi, viste le temperature molto basse che caratterizzano le sue acque, offre anche uno spettacolo naturalistico unico.

3. Torrente Farma

La forza erosiva del torrente Farma ha scavato lungo il suo corso tante piccole insenature. Il suo letto – che attraversa la Riserva Naturale tra Monticiano e Roccastrada – è, quindi, caratterizzato da tante conche e spiaggette, molto diverse tra loro. Chi percorre il corso del torrente si imbatte in baie sabbiose o di ciottoli che si gettano nelle acque verde smeraldo, ma anche in piscine naturali sovrastate dalle rocce in cui le acque sono fresche e cristalline.

4. Torrente Lima

Il torrente Lima nasce dall’Abetone ed è conosciuto soprattutto per le sue acque particolarmente limpide e sempre fresche. Una delle zone balneabili più frequentate è quella della Laguna Blu. Si tratta di una piscina naturale che si affaccia su una piccola spiaggia di sassi in cui è anche possibile tuffarsi. La Laguna è sovrastata dalle strette di Cocciglia, gole che il Lima ha scavato nella roccia e che rendono il paesaggio attorno alla conca molto suggestivo.

5. Torrente Gordana

Il torrente Gordana nasce dal monte Tecchione a 1.582 metri d’altezza. Lungo il suo corso si trovano diverse zone balneabili e una delle più affascinanti è quella creata dagli stretti di Giaredo. Questi piccoli canyon che scorrono tra due pareti rocciose alte circa 50 metri si trovano nella zona più orientale della valle attraversata dal torrente. Raggiungerli non è semplice ed è preferibile essere accompagnati da una guida esperta; una volta arrivati però lo spettacolo è impagabile.