Con il sostegno di:

Slovenia, in bicicletta con gusto sulla Green Gourmet Route

Cicloturismo e tappe gastronomiche d’eccellenza nel cuore verde d’Europa

Un viaggio all’aria aperta per riconnettersi con la natura, immergendosi in panorami verdi e rigeneranti. La Slovenia guarda al futuro scegliendo la sostenibilità di un turismo lento e a basso impatto ambientale per valorizzare le bellezze del territorio

La Green Gourmet Route esprime pienamente il concetto di sostenibilità, tra cicloturismo e tappe gastronomiche d’eccellenza nel cuore verde d’Europa: un percorso ciclabile nuovo, capace di unire avventura, cultura, relax, paesaggi mozzafiato e piaceri per il palato in un tour di scoperta lenta del territorio. Una decina di giorni di viaggio, per attraversare la Slovenia da un capo all’altro, passando unicamente per le splendide destinazioni certificate Slovenia Green – che si impegnano per garantire elevati standard di sostenibilità – e vivendo soste culinarie ricche di sapori, a marchio Slovenia Green Cuisine.

Un viaggio dei sensi, quindi, incentrato sul cicloturismo, che si dirama su strade secondarie tra emozionati scorci, località pittoresche, castelli, vigneti e boschi aromatici, imponenti montagne, colline, laghi e splendide sorgenti termali, dove concedersi una coccola attraverso rilassanti pause benessere, agriturismi, boutique hotel e ristoranti stellati, immergendosi in un territorio ricco di proposte green, adatte a conquistare anche i viaggiatori più esigenti.

Il percorso

La Route si snoda in territorio sloveno partendo dalla capitale, Lubiana, città vivace, dall’eleganza mitteleuropea. In bicicletta si viaggia in direzione della Valle dell’Isonzo – il fiume color smeraldo – gioiello incorniciato dalle Alpi Giulie, un sogno outdoor per i turisti più attivi. Si prosegue verso Brda, caratteristica regione viticola tra le Alpi e il Mediterraneo e poi via, in direzione di Nova Gorica e la Valle del Vipava, terra di vini unici e “casa” della migliore cucina tra le Alpi e l’Adriatico. Ci si muove nell’incantevole regione del Carso, silenzioso mondo delle meraviglie sotterranee e dei fenomeni naturali. E, ancora, Sevnica, città del Posavje, dove visitare il castello e il vigneto di Franconia Blu; Podčetrtek e Rogaška Slatina con acque termali uniche e benefiche, Ptuj, la città più antica della Slovenia, famosa per il carnevale, fino a Maribor, la capitale della Stiria attraversata dalla Drava. Un percorso variegato che accontenta ogni tipologia di turista, Chi si stanca troppo a pedalare, può anche percorrere dei tratti in treno.

La gastronomia

Regione Gastronomica Europea nel 2021, la Slovenia offre un panorama culinario vario, ricco di prelibatezze e invitanti pietanze locali. La Green Gourmet Route prevede deliziose soste gourmet, per un’esperienza di gusto unica e intensa, accompagnata dai migliori vini naturali delle zone viticole, dal miele ai prodotti dell’apicoltura, da filiere corte e stagionali. Prodotti a Km0, piccoli produttori e artigiani del gusto, ma anche ben sei ristoranti stellati, per la gioia dei palati più fini. Il tutto rigorosamente certificato, con il sigillo di sostenibilità, che si ottiene per l’utilizzo delle materie prime, il rispetto del territorio e della biodiversità, ma anche per la gestione green degli scarti, ridotti al minimo e smaltiti in modo ecologico.

La vocazione

Una meta golosa, non solo dal punto di vista gastronomico, per tutti gli appassionati di ciclismo. La Slovenia ha un legame profondo con la bicicletta: lo dimostrano gli atleti , Tadej Pogačar – due volte vincitore del Tour de France – e Primož Roglič, medaglia d’oro olimpica, vincitore per tre anni consecutivi de La Vuelta, del Giro di Slovenia nel 2018 e secondo al Tour de France 2020, entrambi ambasciatori del turismo sloveno. Oltre ai due campioni del ciclismo mondiale, non dimentichiamo che una tappa del Giro d’Italia in territorio sloveno, la diciannovesima, è prevista anche nel 2022.