Con il sostegno di:

Toscana, ecco 5 sagre da non perdere in autunno

Carne e tartufo la fanno da padroni, ma non mancano funghi e la particolare polenta al vapore. Ecco 5 appuntamenti gourmet

5-sagre-in-toscana-in-autunno-da-non-perdere

La tipica fiorentina toscana; la carne di papero, alla base di molti piatti della tradizione; ma anche funghi, tartufo e persino la polenta al vapore. Ecco quali sagre tipicamente autunnali scoprire in Toscana a partire dal mese di settembre.

1. Festival della bistecca – Firenze

Non una vera e propria sagra ma un festival cittadino, dedicato a uno dei piatti simbolo di Firenze: la bistecca “fiorentina” che si mangia rigorosamente al sangue. Dal 30 settembre al 2 ottobre il Prato delle Cornacchie, all’interno del Parco delle Cascine, ospiterà 14 metri di griglia e 8 maestri bisteccai che accompagneranno cittadini e turisti alla scoperta del culto della “fiorentina”. Al festival prenderanno parte anche i membri dell’Accademia della Fiorentina che terranno alcune masterclass. Saranno inoltre presenti allevatori, nutrizionisti e chef per incontri ed eventi a tema.

2. Sagra dei tortelli e delle specialità al tartufo – Pelago

La casa del Popolo di Pelago, in provincia di Firenze, ospiterà per due weekend consecutivi (24 e 25 settembre e 1 e 2 ottobre) la sagra dei tortelli e delle specialità al tartufo. Gli stand presenti serviranno ai visitatori unicamente piatti a base di tartufo, tra cui tortelli, appunto, ma anche le burratine, i tagliolini, il roast beef e la panna cotta al tartufo. Per sabato 24 settembre e sabato 1 ottobre gli stand resteranno aperti dalle 19:30 in poi, per le domeniche (25 settembre e 2 ottobre) invece l’apertura è prevista per il pranzo, a partire dalle ore 12:30. È gradita la prenotazione.

3. Sagra dell’ocio – Montepulciano

L’ocio nel dialetto senese è il maschio di anatra, comunemente detto anche papero. Ed è proprio questo l’animale utilizzato in diversi piatti della tradizione toscana. A Montepulciano – nel cuore della Val di Chiana Senese – da venerdì 23 settembre a lunedì 26 settembre si terrà, quindi, la sedicesima edizione dedicata ai piatti a base di “ocio”. Oltre alle specialità della sagra sarà anche possibile gustare la pizza cotta nel forno a legna e diversi dolci della tradizione. Ognuna delle serate della sagra sarà accompagnata da esibizioni di musica live.

4. Sagra della polenta al vapore – Castagneto Carducci

La polenta al vapore non è uno dei piatti tipici della Toscana, eppure a Castagento Carducci (in provincia di Livorno) dal 23 al 25 settembre sarà ospitata la quarta edizione della sagra dedicata a questa portata. Gli stand gastronomici, aperti a partire dalle ore 19:00 serviranno la pietanza principale, accompagnata dallo spezzatino di cinta senese. Sarà inoltre possibile degustare vino locale e altre eccellenze toscane.

5. Sagra del Tartufo bianco e del fungo porcino – San Miniato

Quella che si svolge a San Miniato, in provincia di Pisa, è una sagra dedicata principalmente al tartufo bianco proveniente dalle colline samminiatesi a cui, in alcuni piatti, vengono affiancati i funghi porcini. Nel menù sono previsti tagliolini e lasagne al tartufo, uova con tartufo e funghi fritti e molte altre specialità. Gli stand culinari apriranno venerdì 23 e sabato 24 settembre per cena, a partire dalle ore 20 e domenica 25 settembre per pranzo a partire dalle ore 12:00.