In toscana, a Marradi, è tempo di castagne
In toscana, a Marradi, è tempo di castagne

Autunno, tempo di sagre, e ce ne è davvero per tutti i gusti, a cominciare dai vegetariani. Perché questo è il periodo di zucca, castagne, patate, funghi , tartufi e così via: feste che mettono d’accordo il palato, la buona tavola e l’amore per gli animali. Le ha selezionate momondo. It.

Sagra del pistacchio

L’origine del pistacchio è molto antica, in Medio Oriente. Furono gli Arabi poi ad importarlo in Sicilia, una terra il cui clima è ottimale per la loro coltivazione. Attualmente circa il 90% della produzione italiana di pistacchio avviene nell’area di Bronte, i cui prodotti sono protetti dal marchio DOP. Ricchi di sodio, vitamina A e B, fosforo, potassio e ferro, i pistacchi sono lo spuntino perfetto per tutti coloro che praticano sport. E lo sapevate che originariamente erano di colore rosso, e lasciavano sulle mani una tinta di colore simile a quello delle ciliegie?
Dove: Bronte, Sicilia
Date: 27-29 settembre / 4-6 ottobre 2019

Sagra della patata

Originaria del Centro America, la patata fu introdotta in Europa dal Nuovo Mondo durante il XV e il XVI secolo. È ricca di potassio e vitamina C, e con le sue proprietà contrasta il diabete, le infiammazioni ed è un’ottima fonte energetica. Sapevate che è stato il primo ortaggio a essere coltivato nello spazio nel 1995? Inoltre, secondo le credenze popolari, tenere una patata in tasca serve per curare il mal di denti, mentre il suo liquido è ottimo contro ustioni e bruciature.
Dove: Lazzate, Lombardia
Date: 26-29 settembre 2019 / 3-6 ottobre 2019

Sagra del Gnocco di patate

Le origini degli gnocchi risalgono a quando vennero importate in Europa le prime patate dal Nuovo Mondo. Da allora – grazie ai Sorrentini – sono diventati un piatto tradizionale spesso presente sulle tavole Italiane, vuoi per la loro semplicità, vuoi per il loro gusto e per la diversità di sughi con i quali possono essere conditi. Lo sapevate che esiste un detto romano “Giovedì gnocchi, venerdì pesce e sabato trippa”, che viene ancora rispettato in alcune delle tipiche trattorie romane, rendendo gli gnocchi il piatto tradizionale del giovedì?
Dove: Canda (Rovigo) , Veneto
Date: 27 settembre – 2 ottobre 2019

Sagra della castagna

Non si conoscono le origini precise del castagno, ma quello che è indiscutibile sono le proprietà benefiche dei suoi frutti. Ricche di minerali e vitamine, le castagne sono rinvigorenti e antiossidanti, e vanno bene proprio per tutti, essendo prive di glutine e quindi consumabili anche da persone con celiachia. Attenzione però a consumarle in modo adeguato, se non vengono cotte a sufficienza possono risultare poco digeribili. Inoltre, come separare le castagne buone da quelle che non lo sono? Semplicemente mettendole a bagno in acqua per circa un’ora: quelle che risaliranno a galla si possono scartare, mentre le altre sono pronte ad essere cotte e gustate!
Dove: Marradi, Toscana
Date: 6, 13, 20 e 27 ottobre 2019

Sagra del pane

Le origini del pane sono antichissime e risalgono alla preistoria, e non vi stupirà scoprire che il primo negozio di pane è stato aperto a Roma nel 15 a.C. Da allora è diventato uno degli alimenti più diffusi sulle tavole di tutto il mondo, ed è davvero difficile farne a meno. Se anche voi non potete rinunciare al suo profumo inebriante, alla sua sofficiezza e al suo sapore rassicurante, allora non perdetevi la sagra del pane fatto in casa a Villaurbana. Un’ottima occasione per visitare anche la splendida Sardegna.
Dove: Villaurbana, Sardegna
Date: 25-27 ottobre 2019

Sagra dei fichi secchi

Coltivabili in zone dal clima temperato, in particolare in tutto il bacino del Mar Mediterraneo, i fichi maturano tipicamente durante il mese di settembre. Ricchi di potassio, ferro, magnesio, sali minerali e vitamina A e C, i fichi secchi venivano raccomandati dal filosofo greco Platone – non a caso soprannominato “il mangiatore di fichi” – agli amici. Platone era convinto infatti che i fichi secchi avessero il potere di rinvigorire l’intelligenza. Vero o meno, una scusa in più per fare scorpacciate di questo frutto delizioso.
Dove: Miglionico, Basilicata
Date: 29 settembre 2019

Fiera internazionale del tartufo bianco d’Alba

Con le sue origini antichissime e curiose – nel passato si tramandava l’idea che il prezioso fungo nascesse dal miscuglio di acqua, calore e fulmini – il tartufo si aggiudica senza dubbio una posizione tra i cibi più esclusivi e prelibati che ci siano. È proprio l’Italia uno dei paesi con il maggior numero di aree tartufigene. Amanti del tartufo, prendete nota: lo sapevate che per trovare tartufi in estate, il momento migliore è l’alba? In questo modo il cane da tartufo si stancherà meno facilmente a causa del caldo. In inverno, invece, si prediligono le ore più calde della giornata.
Dove: Alba, Piemonte
Date: 5 ottobre – 24 novembre 2019


Sagra della zucca

Originaria dell’America Centrale, la zucca è stato uno dei primi ortaggi ad essere importati in Europa dopo la scoperta dell’America. Ha proprietà calmanti e antiossidanti, e lo sapevate che della zucca si può mangiare tutto?La buccia, i semi, le foglie e i viticci. La tradizione di usarla per realizzare le lanterne ad Halloween, invece è celtica e originariamente aveva lo scopo di spaventare l’anima errante di Jack O’ Lantern.
Dove: Venzone, Friuli Venezia Giulia
Date: 26-27 ottobre 2019

gloriaciabattoni@gmail.com