nikoromito
nikoromito

Ingredienti per 4 persone

Difficoltà: media

Tempo: 1 ora e 25 minuti

 

Per il gelato alla genziana

• Latte fresco intero g 500

• Radice di genziana g 15

• Panna liquida fresca g 150

• Zucchero g 80

• Glucosio g 40

 

Per il caramello al frutto della passione

• Estratto di frutto della passione g 400

 

Per il pralinato di frutta secca

• Nocciole tostate e pelate g 200

• Mandorle tostate g 200

• Zucchero g 200

• Panna fresca liquida g 200

• Cacao amaro in polvere g 15

• Gelatina in fogli g 4

 

Per la polvere al caffè

• Pasta frolla ben cotta

o biscotti secchi di pasta

frolla g 200

• Caffè in polvere g 50

 

Altri ingredienti

• Pistilli di zafferano 12

• Foglie di dragoncello 8

• Timo fresco tritato g 5

 

Preparazione

Per il gelato

Portate a bollore il latte, spegnete, e lasciate in infusione la radice di genziana spezzettata per almeno 20’. Poi filtrate. A parte scaldate la panna con lo zucchero e il glucosio, aggiungete il latte aromatizzato, lasciate raffreddare e passate nella gelatieria, secondo le istruzione dell’utensile.

Per il caramello

Mettete in un tegame l’estratto di frutto della passione e ridurre fino a ottenere un caramello di 50 g.

Per il pralinato di frutta secca

Riscaldate la panna, mescolatevi il cacao e stemperate accuratamente la gelatina precedentemente reidratata in acqua fredda e poi strizzata. Versatela nel bicchiere del mixer e unite lo zucchero e la frutta secca: frullate fino a ottenere una consistenza cremosa simile a un miele.

Per la polvere al caffè

Con un mixer tritate finemente la frolla o i biscotti, raccogliete la polvere realizzata e miscelatela con cura al caffè.

 

Finitura

Sul fondo di un piatto da dessert con un cucchiaio disegnate delle linee di caramello al frutto della passione, intercalate ad altrettante di pralinato alla frutta secca. Al centro cospargete un cucchiaio di polvere di caffè, quindi sopra posizionate il dragoncello e il timo tritato con quattro quenelle di gelato alla genziana. Aggiungete sopra ogni pallina di gelato un pistillo di zafferano.

 

«L’ITALIA è DAVVERO COSì RICCA DI SANI E GENUINI PRODOTTI CHE VANNO VALORIZZATI»

 

IL VINO DA ABBINARE

Essenza reale

Il gelato è sempre difficile da abbinare, ma al complesso di sapori viene in soccorso un calice sontuoso di oro antico, lucido e brillante, dal bouquet intenso e speziato in cui il miele d’acacia e la frutta secca giocano a rincorrersi con i componenti del piatto. E in bocca la muffa nobile completa la seduzione con il dolce-non dolce e la lunghissima persistenza.