Picnic sui prati con vista  sulle dolomiti
Picnic sui prati con vista  sulle dolomiti

Anche a causa dei recenti avvenimenti che ancora suggeriscono di evitare gli assembramenti, in Trentino è tornata la moda del picnic e molte località si sono organizzate di conseguenza. Il Primiero e il Vanoi mettono in campo l’iniziativa #CheeseNic, la merenda sul prato a base dei formaggi prodotti nelle malghe: dopo aver prenotato al telefono o online, gli agriturismi della zona e i rifugi in quota di San Martino di Castrozza e Passo Rolle distribuiscono cestini dove si può scegliere anche tra la carne Fumada di Siròr e le birre artigianali.
Le eleganti soste delle nobildonne asburgiche sui prati di Madonna di Campiglio, ritratte nelle cartoline in bianco e nero di fine ‘800, riprenderanno vita - da luglio a settembre - negli appuntamenti con le “Colazioni sull’erba”: nelle radure della valle Rendena, al cospetto delle cime del Brenta, si consumerà un goloso picnic con i formaggi dei malgari, miele locale, pane fresco e confetture ai frutti di bosco.
In Val di Non l’iniziativa “Una coperta sul prato” coinvolge vari ristoratori che propongono il proprio menu da picnic, su prenotazione, in un cestino che comprende anche l’indispensabile coperta da stendere. Dal 27 giugno saranno attivi i “Pic-Nic ad Arte” nel parco RespirArt in Val di Fiemme, il museo a cielo aperto più alto d’Europa a 2200 metri sopra l’Alpe di Pampeago: tra le 27 installazioni permanenti, si potrà sostare seduti sulle nuove panchine progettate dall’artista Marco Nones: i cestini saranno preparati dai rifugi della zona - la Baita Caserina e il Rifugio Monte Agnello - e saranno ispirati ai grandi artisti italiani, dal “Caravaggio” (tacos di polenta alla carne, tortello di patate, insalata di canederlo e torta) all’“Arcimboldo”,dedicato ai vegetariani. Il parco artistico, infine, accompagnerà gli ospiti durante le merende organizzando anche curiosi “Concerti per solo mucche“.
A Ledro si può andare al “PicNic Chic” e raggiungere una delle numerose spiaggette che si trovano lungo i 10 km di sponde non solo a piedi o in bicicletta ma anche con pedalò, barche a remi e SUP a noleggio. I cestini da picnic - anche per vegetariani - potranno essere prenotati in anticipo e conterranno sempre prodotti del territorio, a partire dalla carne salada. In città a Rovereto invece, PicMart permette di fare una pausa sul grande prato che affianca i padiglioni espositivi del MART di Rovereto.