I paesi più pericolosi per i viaggiatori si trovano in Africa
I paesi più pericolosi per i viaggiatori si trovano in Africa

Paese che vai, pericolo che trovi. Una nuova mappa interattiva, la Travel Risk Map, permette di individuare a colpo d'occhio i paesi che presentano i maggiori rischi per i visitatori in tre categorie – sanità, sicurezza personale e sicurezza stradale – e, viceversa, quelli dove si può viaggiare in tranquillità pressoché assoluta. La mappa è stata realizzata da SOS International, la più grande agenzia globale specializzata nell'analisi e nella gestione dei rischi per i viaggiatori.

I criteri del pericolo

I punteggi assegnati in ciascuna delle tre categorie derivano dalla valutazione incrociata di numerosi fattori. Ad esempio nel caso dei rischi medici sono stati presi in esame, fra gli altri, la diffusione di malattie infettive, la qualità dei soccorsi di emergenza, l'accessibilità ai farmaci, le eventuali barriere culturali o linguistiche. Per la sicurezza personale: la presenza di violenza "politica" (dal terrorismo alle sommosse popolari) e di tensioni sociali, il tasso di crimine, se e quanto il paese è soggetto a possibili disastri naturali, eccetera. Il voto relativo alla sicurezza stradale è stato invece calcolato in base al tasso di mortalità ogni 100mila persone.

I paesi più pericolosi…

Nella Travel Risk Map (che potete vedere qui) Sono quattro i paesi valutati al minimo in tutte le categorie: Libia, Somalia, Sud Sudan e Repubblica Centrafricana, che risultano quindi i più pericolosi del mondo per i visitatori. Al di là poi degli stati sconvolti dalla guerra in tempi recenti, come Siria, Iraq, Afghanistan e Yemen, sicurezza personale ad alto rischio anche in Pakistan, Papua Nuova Guinea, Egitto e in alcune zone di Tunisia, Madagascar, Filippine, Venezuela, Messico e Centro America. Rischi sanitari elevati poi in gran parte dell'Africa, in Corea del Nord, ad Haiti, nelle repubbliche asiatiche ex sovietiche, in Nepal, Bhutan, Mongolia, Bangladesh, Laos e Vietnam.

… e i paesi più sicuri

La situazione è diametralmente opposta nei paesi che segnano valori al minimo in tutte le categorie: Svizzera, Lussemburgo, Slovenia, Andorra, Islanda, Norvegia, Finlandia e Danimarca. Qui i rischi per la sicurezza sono classificati addirittura "insignificanti". Situazione sanitaria ottimale, ma rischi per la per sicurezza considerati "solo" bassi (giudizio comunque molto positivo), negli altri paesi europei Italia compresa, negli Stati Uniti, in Canada, Cile, Giappone, Corea del Sud, Australia e Nuova Zelanda.

Leggi anche:
- I paesi più pericolosi per le donne che viaggiano da sole
- Le città più sicure del mondo nel 2019: la prima è Tokyo
- Come viaggiare sicuri con le informazioni della Farnesina