Con il sostegno di:

L’Orient Express italiano, le tratte del treno La Dolce Vita

10 diverse tratte accompagneranno i viaggiatori alla scoperta delle bellezze italiane a bordo di un treno retrò ispirato alla Dolce Vita

lorient-express-italiano-le-tratte-del-treno-la-dolce-vita

Inizieranno il loro viaggio nel 2023 i nuovi Orient Express italiani: sei treni extralusso che attraverseranno tutto il Paese richiamando nell’arredamento lo stile della Dolce Vita. Già annunciate dieci nuove tratte che percorreranno in lungo e in largo l’Italia, toccando 131 città. Il prezzo non è certo da trenino locale: circa 2.000 euro per ogni viaggio sul treno d’epoca.

 

Sulle rotaie ricordando la Dolce Vita

L’epoca repubblicana del boom economico – che negli anni ’50 rese Roma la città simbolo di spensieratezza e mondanità e la portò al culmine del successo un decennio più tardi, anche grazie l’uscita del film di Federico Fellini – è diventata fonte d’ispirazione per questi nuovi treni. Gli Orient Express La Dolce Vita nascono dalla collaborazione tra Trenitalia, Arsenale SpA e il gruppo Accor – proprietario del marchio Orient Express – e toccheranno in tutto 131 città italiane e farà tappa anche in 3 mete europee.

 

Il nuovo treno Oriente Express

Ognuno dei sei Orient Express ispirati alla Dolce Vita sarà strutturato allo stesso modo: 12 cabine deluxe, 18 suite e una suite d’onore. Il pezzo forte, però, sarà il vagone ristorante che non solo richiamerà nello stile l’eleganza retrò degli anni ‘60 e ‘70, ma soprattutto accompagnerà i viaggiatori in un percorso di eccellenza all’interno delle specialità enogastronomiche italiane, grazie alla collaborazione di diversi chef e bartender.

 

Le tratte Dell’Orient Express italiano

Le tratte annunciate sono 10 (di cui una ancora in definizione) e prevedono pacchetti che vanno da una a tre notti di pernottamento a bordo dell’hotel su rotaie (per un costo di 2.000 euro in media per ogni singolo viaggio).

Gli itinerari dell’Orient Express La Dolce Vita coinvolgeranno l’Italia intera. Il treno delle Alpi partirà da Milano con arrivo a Cortina, il treno del tartufo e del vino attraverserà invece il Piemonte e la Liguria con particolare attenzione all’aspetto enologico e culinario. Ben tre saranno i treni dedicati alla Sicilia: quello che percorrerà il lato occidentale della regione, da Palermo a Trapani; quello dedicato alla Sicilia Barocca e quello che taglierà da ovest ad est la patria di arancini, cannoli e passito, lungo un itinerario enogastronomico.

La rotta delle Sirene attraverserà invece il versante ionico di Basilicata e Calabria e un altro treno sarà dedicato al Salento e a Matera. La città dei Sassi sarà coinvolta anche nella tratta che, attraversando la cosiddetta transiberiana d’Italia (Abruzzo e Molise), la collegherà a Roma. La Capitale sarà poi la tappa di partenza e arrivo anche del viaggio che condurrà alla scoperta della Val d’Orcia e della Maremma Toscana. Da Roma, infine, partiranno i treni per le tre destinazioni europee: Parigi, Istanbul e Spalato. E, nel 2024, nella Città Eterna, sarà anche inaugurato l’Hotel Orient Express Minerva ispirato all’albergo che anticamente ospitava i viaggiatori del Grand tour.

 

Il turismo lento

La scelta di voler ripristinare anche in Italia i viaggi dell’Orient Express è, in parte, legata al ritrovato successo dello slow tourism. Il turismo lento alla scoperta del territorio nazionale è infatti cresciuto nell’ultimo decennio (in cui si è passati da 30.000 a 100.000 viaggiatori l’anno sui treni turistici) e, a causa dell’emergenza sanitaria, ha subito negli ultimi due anni un’ulteriore impennata. L’obiettivo è quindi offrire nuovi percorsi a chi ha voglia di riscoprire le bellezze italiane e farlo in grande stile.