Con il sostegno di:

Il lago di Puccini, dove si sposano natura e musica

La meraviglia del luogo che ispirò il Maestro. Ecco il Parco di Migliarino San Rossore Massaciuccoli

La primavera segna il via della stagione turistica a Torre del Lago, l’unica frazione di Viareggio che ha aggiunto il nome di Giacomo Puccini al proprio toponimo. Il Maestro ci ha lasciato un capolavoro incompiuto, Turandot, e come l’opera che molto contiene di Torre del Lago, la località è ancor oggi in qualche modo incompiuta. Ma ascoltare Turandot è un piacere intenso, e una visita o una vacanza a Torre del Lago lo sono altrettanto. La spiaggia è notissima, ma la perla è il lago di Massaciuccoli. Mare, natura, cultura. La spiaggia, già col primo sole, offre emozioni uniche. Ci sono stabilimenti balneari e gli arenili attrezzati come in Versilia, ma solo qua si trovano cinque chilometri di spiaggia naturale protetta dal Parco di Migliarino San Rossore Massaciuccoli.

Si arriva dal viale Kennedy fino al viale Europa coi suoi parcheggi. Oppure sostando negli spiazzi del viale dei Tigli, la spiaggia selvaggia si raggiunge attraversando la Macchia Lucchese dove si possono vedere dune fossili e vegetazione igrofila come la periploca graeca che sopravvive solo nei Balcani. Sulla spiaggia libera non c’è, di norma, sorveglianza della balneazione. Ma sul viale Europa ci sono moltissimi bar e ristoranti, attivi nel weekend in bassa stagione. La zona è nota anche per il turismo ‘gay friendly’, locali come Mamamia e Baddy non hanno bisogno di presentazione. Col mare siamo già entrati nel capitolo natura. Sono disponibili mappe del Parco. In mezzo al verde sorgono i numerosi camping disposti sul lato monte del viale dei Tigli, quasi tutti attrezzati con bungalow, ristorazione, aree svago e sport, e perfino piscine. Non tutti sanno che le presenze annuali nei campeggi sono oltre la metà di quelle totali del Comune di Viareggio. Già da questo periodo, Covid permettendo, arrivano le scolaresche in gita dal Nord Europa.

Dal mare all’interno, al Belvedere Puccini affacciato sul Massaciuccoli, tutto si fa melodramma. A partire dalla visita nella Villa Mausoleo dove il Maestro visse e scrisse capolavori. Lui riposa nella cripta, la casa è come ai suoi tempi: coi mobili di allora, lettere e spartiti, il paravento donato dal Tenno del Giappone, quadri e suppellettili di immenso valore storico. Di lato, sulla Penisola delle Torbiere, il Gran Teatro Puccini ogni estate ospita la stupenda stagione lirica. Il teatro è la risposta ai desideri di Puccini di vedere le sue opere rappresentate sul lago. Compresa Turandot, che fu scritta nella villa del Marco Polo a Viareggio. Puccini alla fine della vita si rifugiò lì per scappare da rumori e maleodoranze dell’estrazione della torba e della sabbia lacustri. Oggi al posto delle cave risuona musica immortale. Nella visita, guardando i canneti di falasco, vi sembrerà di sentire Ping che canta “ho una casa nell’Honan con il suo laghetto blu, tutto cinto di bambù”.

 

TORRE DEL LAGO

Birdwatching e prenotazioni: info a portata di click

Viviamo momenti mutevoli, quindi prima di partire è meglio verificare aperture e orari. Ecco qualche indirizzo Internet per visitare Torre del Lago. Il Parco con le riserve sul lago e nella macchia: www.parcosanrossore.org. Il Festival Pucciniano: www.puccinifestival.it. La Villa mausoleo della Fondazione Simonetta Puccini: www.giacomopuccini.it. La Villa romana di Massaciuccoli: www.comune.massarosa.lu.it/home/vivere/massaciuccoli-romana. Il bird-watching: www.oasilipumassaciuccoli.org. Per la ricettività, tramite i normali portali, sono disponibili alberghi e B&B in centro e sul Lago, oltre ai camping del viale dei Tigli.

MASSACIUCCOLI

In bici tra ville e oasi

La bicicletta è connaturata a Torre del Lago. Ci sono ciclopiste sull’asse lago-mare e lungo viale dei Tigli, ma anche attorno al Lago di Massaciuccoli, che è l’altra punta dell’ecosistema torrelaghese. Si può pedalare sconfinando in provincia di Pisa nella Tenuta del Chiarone nel territorio di Vecchiano dove ci sono dei camminamenti naturalistici. Attorno al lago sorgono ville storiche talvolta visitabili, e nel territorio di Massarosa l’osservatorio di bird-watching della Lipu, e i resti della villa romana di Massaciuccoli.

GUSTO

Le ricette del grande compositore

Giacomo Puccini amava moltissimo la caccia: la praticava sul lago, col barchino guidato dal suo amico ‘Nicche’ (nome tratto dalla Fanciulla del West). Barchini come quello si vedono ancora sui canali del padule, tra bilance per la pesca e ricoveri di barche. Il compositore buongustaio ha lasciato anche tante ricette di cacciagione, raccolte da Clara Bianucci nel libro ‘Buon appetito Maestro’. Nei ristoranti della località, anche raggiungibili dall’Aurelia verso il lago, le folaghe sono ancora un must (ma troverete anche ottimo pesce di mare). Le zone in cui cercare sono Belvedere, Bufalina, Massaciuccoli.