Con il sostegno di:

Hydra: 5 cose da vedere sull’isola greca che ha conquistato Chiara Ferragni

Hydra è una piccola isola del Peloponneso dove il relax regna sovrano. Ecco 5 cose da vedere nel luogo che ha recentemente ospitato l’imprenditrice digitale

hydra-5-cose-da-vedere-sullisola-greca-che-ha-conquistato-la-ferragni

La Re Mida italiana dei social, Chiara Ferragni, ha colpito ancora. Dopo la sua vacanza con gli amici più cari a Hydra, nel golfo di Saronico, l’isola greca è stata definitivamente incoronata come meta perfetta per vacanze chic e dedicate al relax. L’imprenditrice, come ha raccontato su Instagram, è rimasta affascinata da questo luogo. Ecco 5 cose che dovete assolutamente fare e vedere se decidete di visitarlo.

1. Ammirare la zona del porto

Hydra con i suoi quasi 50 chilometri quadrati di superficie è un isolotto molto piccolo e sul suo territorio non sono ammesse le automobili. Ristoranti, bar e boutique sono, quindi, concentrati soprattutto attorno alla zona del porto e raggiungibili a piedi da ogni parte dell’isola. Da qui si possono ammirare i colori del tramonto sorseggiando un cocktail o assaggiare piatti tipici greci mentre il sole scende nel mare. Imperdibile una passeggiata attorno all’attracco e lungo la baia, ammirando le archontika, le case nobiliari dallo stile architettonico veneziano, costruite a Hydra nel XVIII e XIX secolo.

2. La spiaggia di Bisti

Tra le tante bellissime spiagge dell’isola, la più suggestiva è certamente quella di Bisti che si trova sulla punta occidentale di Hydra. La baia è circondata da una pineta e gode quindi di una piacevole ombra naturale. La radura è, inoltre, attrezzata per diventare luogo di sosta, relax e magari di letture al fresco, durante le ore più calde della giornata. Il mare di Bisti è di un azzurro intenso e i fondali sono bassi, adatti quindi anche ai più piccoli. La spiaggetta è servita da lidi in cui affittare lettini e ombrelloni e a pochi minuti a piedi si trova anche una taverna tipica.

3. Chiesa dell’Assunzione della Vergine

Sul territorio di Hydra ci sono circa 300 chiese, un numero elevatissimo soprattutto se si tiene conto della ridotta superficie dell’isola. Una delle più conosciute è la Chiesa dell’Assunzione della Vergine, non troppo lontana dalla zona del porto. Costruita nel 1643, era stata inizialmente pensata come un monastero. Oggi è ancora utilizzata, ma le antiche celle dei monaci, che non ci vivono più, sono diventate uffici municipali o sale espositive di un museo ecclesiastico. La caratteristica principale di questa Chiesa è il suo campanile a tre piani, interamente realizzato di marmo proveniente da Tinos. Il campanile è visitabile e dal punto più alto è possibile ammirare uno spettacolo meraviglioso.

4. Trekking al Monastero di San Nicola

Hydra è perfetta anche per gli amanti delle escursioni e delle passeggiate in mezzo alla natura. I sentieri nella parte alta dell’isola – dove si trovano anche molti antichi monasteri ortodossi – sono infatti numerosi. Uno dei percorsi più frequentati è quello che conduce al monastero di Agios Nikolaos (San Nicola), ancora oggi gestito da una piccola comunità di suore e decorato con mosaici bizantini del ‘700. Per raggiungerlo è possibile partire dalla baia di Mandraki, una piccola spiaggia, e percorrere una mulattiera in salita per circa 1,5 chilometri. Il sentiero non è complesso ma molto ripido, la vista dall’alto però ripaga di ogni sforzo perché consente di ammirare tutta l’isola da un punto privilegiato.

5. Passeggiate a dorso di mulo

Oltre alle passeggiate a piedi e ai taxi marini, per spostarsi da una parte all’altra dell’isola si utilizzano gli asini, tradizione tipica in questa zona di Grecia. A Hydra si può salire sul dorso dei muli per percorrere le stradine del centro, ma anche e soprattutto le vie sterrate di campagna. Si tratta di una passeggiata panoramica, ma anche di un vero e proprio mezzo di trasporto. Gli asini da passeggio si incontrano in varie zone dell’isolotto, sistemati in file indiane. Ciascuno è affiancato dal suo proprietario che accompagna turisti e residenti nelle passeggiate. Sono disponibili a tutte le ore del giorno e, talvolta, anche alla sera. Il costo del tour varia a seconda del percorso che si affronta.