Innovazione Olanda
Innovazione Olanda

Chiese trasformate in piccoli alberghi, centrali elettriche che diventano design-hotel, perfino vecchi aerei fermi da anni su una pista aeroportuale e che qualcuno ha avuto la buona idea di adattare ad albergo, peraltro elegante, per ospitare clienti esigenti, intenzionati ad alloggiare in una suite – come dire? – decisamente insolita. Dove se non in Olanda? Appunto: servono un’apertura mentale e una disponibilità verso il nuovo non facili da trovare altrove. Nel Paese dei tulipani invece abbondano. E questo spiega perché i più curiosi e stravaganti luoghi dove pernottare si trovino nei Paesi Bassi. Questione di mentalità. Ma anche di filosofia dell’accoglienza. Come si usa ripetere di questi tempi, non c’è turismo senza narrazione. E l’Olanda, in questo, è davvero una spanna davanti a tutti. A cominciare appunto dagli hotel.

Cucina globale. L’Olanda è un Paese che primeggia nell’innovazione e lo si nota anche a tavola. Infatti, non si contano gli chef che sperimentano tecniche e abbinamenti non propriamente ortodossi per scoprire nuove frontiere del gusto. E per i gourmet della generazione-Instagram non c’è nulla di più interessante, specie ad Amsterdam, città ricca di locali stellati e hipster cafè. Ovviamente non mancano le specialità, come le aringhe, l’agnello salato (dell’isola di Texel), il formaggio Gouda e gli asparagi bianchi. Ed è impossibile evitare di assaggiare le patate fritte cosparse di maionese e proposte nei classici coni da street food. Ma l’Olanda è anche il paradiso di chi adora la cucina esotica, specialmente ispirata all’Indonesia o al Suriname. Dove? Al World of Food, grande spazio gastronomico di Amsterdam, nel quartiere Zuidoost.

Birre, tutta un’arte. L’Olanda è una delle terre elette di bionde, brune e rosse, anche senza scomodare noti marchi e brand internazionali. Ad Amsterdam, spiccano le birrerie artigianali Bierfrabriek, Brouwerij’t IJ (accanto al più grande mulino a vento della città), Poesiat&Kater e Brouwerji Kleiburg. Ottime le microbirrerie del Brabante, come la City Brewery di Eindhoven e la De Kievit Trappist Brewery di Zundert.

Vini. Inattesi e quasi sorprendenti. Eppure i dintorni di Maastricht sono incorniciati da vigneti e aziende vitivinicole dove degustare eccellenti vini, in particolare Pinot Nero, Riesling e Müller-Thürgau. Due ottime cantine: la Wijngaard De Apostelhoeve e la Hoeve Nekum.

Paolo Galliani

 

Houseboat
L’albergo nel canale
Non capita ovunque di pernottare a bordo di un’imbarcazione, con stand alberghieri di assoluto valore, televisione e cucina equipaggiata. L’houseboat è attraccata lungo il Prinsengrancht, uno dei più suggestivi canali di Amsterdam, nel quartiere di Jordaan.

Pantheos Top Houseboat
Prinsengracht 225-T

 

Harlingen
Una notte sulla gru
Niente di più insolito che dormire sulla cima di una gru portuale. Come dire: una vera esperienza. La vista è ovviamente panoramica e gli ospiti hanno perfino la possibilità di pilotare la cabina della gru a piacimento. Si trova ad Harlingen, lungo il Waddenzee. Prezzo: a partire da 319 euro.

 

Scenografica Rotterdam
Una suite ad alta tensione
È uno dei design-hotel più curiosi dell’intera Olanda ed è ricavato nell’ex-centrale elettrica di Delfshaven, uno dei quartieri più scenografici di Rotterdam, esattamente in Lloydstraat 1. Prezzi da 109 euro

Stroom
www.stroomrotterdam.nl

 

Amstel
Camera doppia con vista sull’altare
Una vecchia chiesa cattolica e, pure clandestina, costruita a metà Settecento. La cappella della vecchia Schuilkerkje, al civico 98 di Amstel, è stata trasformata in un appartamento. Costo per 2 persone: a partire da 250 euro (minimo 3 notti).

Op Het Altaar
www.ophetaltaar.nl

 

Teuge
L’aereo è una suite
Da non credere: un autentico aereo russo Ilushyn 18 degli Anni Sessanta parcheggiato nell’aeroporto di Teuge (De Zanden 61b). Praticamente una reliquia del socialismo reale trasformata in un’ elegante e raffinata suite d’albergo. Prezzi: sui 365 euro per 2 persone.

Vlieftuigsuite
www.vliegtuighotel.nl/en