Con il sostegno di:

DiVino Festival, a Castelbuono tre giorni tutti da gustare

Dal 29 al 31 luglio nel borgo medievale delle Madonie il gran galà dell'enogastronomia inventato da un siciliano tornato dall'America

Un festival divino inventato da un siciliano tornato a casa dall’America. Lo scenario è quello di Castelbuono, splendido borgo medievale delle Madonie, che farà da cornice all’evento dal 29 al 31 luglio.

La formula collaudata con successo in questi anni è quella del galà enogastronomico, che oltre ad essere vetrina delle migliori etichette porta in piazza ospiti d’eccezione, eventi, degustazioni, occasioni di confronto e spettacoli. Quest’anno con un filo conduttore molto speciale, quello della Pace.

La storia di quest’evento affonda quasi nel mito, quello del sogno americano andata e ritorno di un ragazzo siciliano, Dario Guarcello, che oggi si occupa di vini, fa l’assessore, ma soprattutto è l’ideatore di questa kermesse di successo. Approdato nella Grande Mela a 18 anni, durante una vacanza dal padrino Dominic, proprietario di un ristorante nel New Jersey, si è trovato catapultato nel giro di poco tempo in un mondo da favola, arrivando a lavorare a fianco di grandi star come Michael Jackson. Un sogno, quello americano, da cui si è risvegliato bruscamente l’11 settembre, quando ha deciso di tornare a casa con un grande bagaglio di competenze. E con una nuova filosofia di vita: pensare in grande.

Da quest’uomo è nato il DiVino Festival. Si parte il 29 luglio, presidente della manifestazione è Luca Martini, campione del mondo dei sommelier nel 2013, presenta Daniele Lucca, già conduttore del Salone del gusto di Torino. Appuntamento alle 16.45 con una masterclass gratuita presso l’Uva club. Qui l’enologo Gianni Giardina, insignito al Vinitaly del titolo di Ambasciatore internazionale della Viticoltura Eroica, presiederà l’evento sui vini siciliani provenienti da viticoltura di montagna e delle piccole isole. A seguire un convegno sulle città creative Unesco, e la presentazione in piazza Margherita del libro “Giusina in cucina”, di Giusi Battaglia.

Il clou in serata in piazza Castello col gran galà del premio internazionale Gusto Divino/Premio Fiasconaro e a concludere lo show Cavalli di Razza.

Il giorno successivo si riparte dal pomeriggio. Alle 16.30 appuntamento all’eremo di Liccia con Catarratto e Nero d’Avola, i grandi vini di Sicilia nella sperimentazione raccontati dal professor Nicola Francesca e dall’enologo Vincenzo Naselli. Al termine dell’incontro “Pane e olio” a cura di Rosario Prestianni, degustazione gratuita sino ad esaurimento posti.

A seguire Francesco Saverio Russo di “wine blog and roll” guiderà i partecipanti in una indimenticabile degustazione di vini rosati di Sicilia (prenotazioni al numero 3294464848), gratuita sino ad esaurimento posti. Attende invece conferma dalla Regione il concerto di Fabio Concato alle 22.30 in piazza Castello.

Domenica 31 luglio gran finale alle 11 al Ristorante Nangalarruni con “La Colazione dei Campioni”, quinta edizione: Brunello, Barbaresco e Etna Rosso” in abbinamento gourmet. Dalle 16.30 alle 22.30, al Chiostro San Francesco apre il Salone del DiVino, con degustazione di decine di aziende vitivinicole siciliane, italiane e straniere.

Info online www.divinofestival.it.