Con il sostegno di:

Fiera di Sant’Orso, Aosta in festa per la millenaria

Per la prima volta la fiera dell’artigianato e delle tradizioni della Valle si svolge in primavera. L’appuntamento è per il 2 e il 3 aprile

“Per garantire maggiore sicurezza a tutti i partecipanti, abbiamo scelto di posticipare la millenaria Fiera di Sant’Orso in primavera. Siamo certi che questa decisione possa rivelarsi strategica, in quanto è un’importante opportunità per far conoscere le bellezze della città di Aosta e le capacità professionali dei nostri artigiani, in un contesto diverso da quello usuale. Sarà un’occasione per ritrovarsi e stare insieme, finalmente” commentano Luigi Bertschy, Assessore allo sviluppo economico, formazione e lavoro e Jean-Pierre Guichardaz, Assessore ai beni culturali, turismo, sport e commercio della Valle d’Aosta.

E, infatti, per la prima volta nel corso della sua millenaria storia, l’antica Fiera di Sant’Orso si svolgerà il 2 e il 3 aprile. Nel prossimo weekend gli artigiani e gli artisti valdostani esporranno per le vie del centro di Aosta le invenzioni, l’ingegno e la creazione del loro lavoro, come da tradizione. L’antica manifestazione cambia quindi nella data, ma non nella sostanza, confermandosi una festa senza tempo, portatrice di una tradizione granitica, come le montagne della regione alpina.

La Fiera affonda le sue antiche radici in epoca medioevale, all’interno del borgo di Aosta, nell’area circostante la Collegiata che porta il nome di Sant’Orso. Racconti leggendari narrano che tutto ha avuto inizio proprio di fronte alla chiesa dove il Santo, vissuto precedentemente al IX secolo, sarebbe stato solito distribuire ai poveri indumenti e sabot, tipiche calzature in legno ancora oggi presentate alla fiera. Oggi tutto il centro cittadino è coinvolto nella manifestazione, che celebra la storia valdostana, grazie alla presenza di artigiani e aziende locali, che espongono prodotti frutto di attività
tradizionali come la scultura e l’intaglio su legno, la lavorazione della pietra ollare, del ferro battuto e del cuoio, la tessitura del drap (stoffa in lana lavorata su antichi telai di legno), e ancora merletti, vimini, oggetti per la casa, scale in legno, botti. In una sezione specifica allestita sulla centrale piazza Chanoux – l’Atelier des métiers, – è inoltre possibile visitare l’esposizione delle opere degli artigiani di professione.

L’atmosfera primaverile, le giornate che si allungano e il clima più mite amplificano lo spirito conviviale di condivisione e socialità, che caratterizza la storica manifestazione. La visita alla Fiera di Sant’Orso non è, quindi, solo un’occasione per fare acquisti, ma un’esperienza immersiva unica nell’atmosfera della città di Aosta, tra musica e folklore, alla scoperta delle eccellenze della Valle d’Aosta, all’insegna della voglia di ritrovarsi e di stare insieme.

La Fiera di Sant’Orso è da sempre anche un appuntamento per buongustai: nel padiglione enogastronomico, allestito in piazza Plouves si potranno infatti degustare e acquistare vini e prodotti tipici della Valle d’Aosta e lungo il percorso dell’intera manifestazione saranno disponibili menu tipici proposti dalle pro-loco regionali e dai ristoranti del centro.