5 cose non troppo turistiche da fare a Berlino in un weekend

Scoprire la città sotterranea o ammirarla dall’alto, visitare un quartiere popolare, cantare al karaoke nel parco e coltivare pomodori. Ecco 5 cose insolite da fare a Berlino in un weekend

5-cose-non-troppo-turistiche-da-fare-a-berlino-in-un-weekend

Non solo la porta di Brandeburgo, Alexanderplatz o i resti de muro caduto più di 30 anni fa. La capitale della Germania è una città tutta da scoprire, ricca di storia ma anche di esperienze che vale la pena vivere una volta nella vita. Ecco 5 cose non convenzionali da fare e vedere a Berlino in un fine settimana.

 

1. Scoprire la Berlino sotterranea

Un tour particolarmente interessante e non troppo conosciuto è quello che porta alla scoperta dei sotterranei di Berlino. Appena fuori dalla fermata metro di Gesunbrunnen si arriva al cosiddetto bunker B che consente di accedere ai diversi percorsi tematici per scoprire un lato nascosto della Capitale tedesca. Tutti gli itinerari si possono affrontare anche da soli ma è sempre preferibile essere accompagnati da una guida specializzata. Tanti sono i sentieri da visitare: quello dedicato alla Seconda guerra mondiale, alla guerra fredda o alla scoperta dell’utilizzo delle risorse del sottosuolo a scopi commerciali (come per la fermentazione della birra). Uno dei più interessanti è quello che attraversa i tunnel scavati dai cittadini durante gli anni del Muro, per passare di nascosto da Berlino Est a Berlino Ovest. È possibile visitare i tunnel tutti i giorni dalle 11:00 alle 16:00, il biglietto d’ingresso costa 15 euro (13 ridotto).

 

2. Passeggiare per il quartiere Neukolln

Uno dei quartieri più autentici di Berlino, fuori dalle tipiche rotte turistiche è Neukolln, nella zona sud della città, attraversato dalle metro U7 e U8. È una zona popolare e multietnica che mostra il volto genuino della capitale tedesca, in cui antico e moderno si fondono. All’architettura dalle forme classiche, si affiancano infatti i colori sgargianti delle opere di street art. Neukolln è anche una delle aree urbane più frequentate dai giovani e dagli studenti: per questa ragione è anche ricca di piccoli locali e rosticcerie in cui fermarsi per un pranzo al volo, dai prezzi modici.

 

3. Guardare il tramonto dal Klunkerkranich

Sul tetto del parcheggio del centro commerciale Neukolln Arcaden – a pochi minuti a piedi dalla fermata metro Rathaus Neukolln – sorge un locale panoramico: il Klunnkerkranich (Karl-Marx-Strasse 66).
La location è insolita: occorre infatti salire fino all’ultimo piano del parcheggio e utilizzare una piccola scala a chiocciola per accedere al bar, interamente costruito in legno. L’ingresso costa 3 o 4 euro – a seconda dell’orario e del giorno in cui si visita – e da qui è possibile ammirare una vista spettacolare su tutta la città e guardare il sole tramontare sui tetti di Berlino.

 

4. Cantare al karaoke di Mauerpark

Mauerpark era in passato una zona incolta e attraversata dal muro di Berlino, a cui deve il suo nome (che vuol dire letteralmente parco del muro). Oggi è uno dei tanti polmoni verdi della città, si trova a 10 minuti a piedi dalla fermata metro Eberswalder Strasse, e si anima soprattutto nel weekend. Tanti sono infatti quelli che lo scelgono per un barbecue all’aperto (consentito), per un pic-nic o anche solo per bere una birra sul prato in pieno stile hippie. Di domenica in particolare, all’interno del parco viene allestito un caratteristico mercatino delle pulci e dell’usato. E a partire dalle 15:00 il piccolo anfiteatro di Mauerpark si trasforma in un palcoscenico per il karaoke. Esibirsi ogni domenica davanti al pubblico di turisti e abitanti del posto è un’iniziativa che va avanti dal 2009, quando fu proposta dall’irlandese Joe Hatchiban e che è diventata ormai una tradizione. Cantare al microfono di questo irriverente karaoke è un’esperienza da provare per dire di aver assaporato in pieno lo “stile Berlino”.

 

5. Coltivare pomodori

Berlino è un centro green in tutti i sensi: sono tante le aree verdi che si trovano sparse per il territorio e in città è molto radicata la cultura del “gesundes essen”, cioè mangiare sano. Lo dimostra ad esempio il giardino comune di Himmelbeet (Himmelbeet – Ruheplatzstrasse 12), nella zona centrale della città. Questo progetto, nato come esperienza di quartiere per conoscersi e confrontarsi, è oggi aperto anche ai turisti. Chiunque voglia, può quindi dedicarsi a coltivare pomodori e prezzemolo e vivere, per qualche ora, come un abitante della zona. Un’atmosfera bohemién per trascorrere momenti di divertimento e benessere, a stretto contatto con la natura.