18 ott 2019

L’apertura delle fosse di Sogliano sul Rubicone

Novembre, la fiera di Santa Caterina e il formaggio di fossa

Ogni anno in novembre a Sogliano sul Rubicone si ripete "un rito" molto importante: durante la fiera di Santa Caterina si aprono ufficialmente le fosse! Il mitico formaggio di fossa, interrato nel mese di agosto, dopo i 90 giorni della sua particolare stagionatura "viene alla luce" (è proprio il caso di dirlo!). Nella web serie di Italia Slow Tour dedicata ai prodotti tipici italiani non poteva mancare un approfondimento a tema, infatti in questo episodio seguiamo Patrizio Roversi proprio a Sogliano, testimone oculare dell’apertura delle fosse. Se parlando di fosse immaginate delle caverne, siete fuori strada: si tratta di buche, come fossero pozzi, preparate accuratamente, pulite e rivestite di canne. Riempite fino all’orlo di sacchi di formaggio, così che non resti dell’aria, e sigillate. Il formaggio, chiuso in questo buco di arenaria senza ossigeno, subisce una riferimentazione anaerobica che gli da quel gusto unico che conoscete se l’avete mai assaggiato. Patrizio non può che consigliare un giro alla fiera di Santa Caterina, dove oltre all’evento dell’apertura delle fosse c’è una bella sagra piena di cose buone da mangiare, i prodotti tipici del territorio romagnolo circostante. Un territorio quello della Romagna dove tutto si tiene e tutto si mangia: la terra, il paesaggio, il formaggio e la poesia!

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?