Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Economia Sport Motori Tech Magazine Salute

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Padova: La Cappella degli Scrovegni

Un capolavoro di Giotto

Ultimo aggiornamento il 1 giugno 2018 alle 10:03

La Cappella degli Scrovegni è uno dei gioielli dell'arte italiana.
Dice Patrizio in proposito: «Qui ho avuto la percezione di essere un uomo scemo perché abito a 100 km da Padova e non c'ero mai stato! L'impatto che ho avuto entrando è simile a quando ho visto per la prima volta la Cappella Sistina, ma il tipo di fede che salta fuori qui è più trasparente. Lo stesso pregiudizio di tipo religioso che dopo 300 anni perseguiterà Galileo, in quest'epoca ha fatto del bene».

La storia: nel 1300 Enrico Scrovegni è un ricchissimo banchiere, ai tempi i banchieri avevano una pessima fama, tant'è che Dante li colloca tra gli usurai nel suo Inferno letterario. Enrico voleva in qualche modo emendarsi: aveva conquistato un sacco di ricchezze, ma doveva dimostrare di fare del bene. Compra questo terreno utilizzato in passato per riti pagani e vuole costruirci su una cappella, con una chiesa da dedicare alla Madonna. Chiama dunque il più grande artista del tempo: Giotto! Che ai primi del '300 dipinge questo capolavoro assoluto... A Enrico poi le cose vanno male: litiga con Padova e va a abitare a Venezia, tornerà qui solo dopo la sua morte. Ma oltre a voler fare qui la sua opera di bene per non essere considerato usuraio, voleva avere qui la sua tomba e la cappella doveva celebrare la sua famiglia. Alla fine possiamo godere noi di quest'opera che è pura bellezza.

Qualcosa sugli affreschi: il signore che offre la Cappella alla Madonna è Enrico Scrovegni stesso, quello in bianco che tiene su il dono è il teologo consulente di Giotto attento che tutte queste scene fossero in linea con la religione. Allora la gente non leggeva, capiva e assorbiva le scene sacre dai dipinti. Sulla destra c'è la raffigurazione dell'Inferno: si vede Reginaldo Scrovegni con le mani legate dietro e il cappellino rosso, è il padre di Enrico collocato da Dante nel XVII canto dell'Inferno considerato avaro e usuraio. Giotto l'ha messo nonostante il suo committente! Questa è forse la prima raffigurazione dell'Inferno in assoluto e deriva da una visione dantesca. Enrico era il committente, ma ha fatto mettere lo stesso suo padre all'Inferno, come espiazione. La cosa più interessante di tutte è l'intonaco lasciato intatto dai restauri conservativi terminati nel 2004. Tutti i colori qui sono quelli originali, anche dove l'intonaco è scrostato. L'hanno solo un po' ingrigito, la zona danneggiata dal tempo è limitatissima e i colori sono sgargianti, incredibili, hanno più di 700 anni e sembra dipinto ieri...

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.