Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Economia Sport Motori Tech Magazine Salute Itinerari

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Il castello di Zavattarello

Un tesoro dell'Oltrepò Pavese al centro di 4 province

Ultimo aggiornamento il 23 marzo 2018 alle 12:48

Zavattarello è una località dell'Oltrepò Pavese situata esattamente al centro di 4 diverse province: Pavia, Alessandria, Piacenza e Genova. Una collocazione strategica tra le valli e il mare dove sorge anche un bel castello (l'Oltrepò Pavese in realtà è pieno di castelli!). Il castello di Zavattarello, dunque, fu costruito poco dopo il Mille, poi ampiamente rimaneggiato. Da fuori è maestoso e incorniciato da un parco di quasi 90 ettari: dalla terrazza si può ammirare un paesaggio davvero bello, si intravede anche il Giardino Alpino di Pietra Corva, che conserva varie specie vegetali di alta montagna. Il "personaggio" del castello naturalmente è un fantasma con una storia terribile, come tutti i fantasmi del resto: Pietro dal Verme (il castello è stato dei Dal Verme dalla fine del 1300 fino a 40 anni fa, quando i discendenti l’hanno ceduto al Comune). Nel 1485 Pietro è promesso a Chiara Sforza, ma non la ama, vuole invece Cecilia del Maino e la sposa. Cecilia però muore, allora lui si rassegna a sposare Chiara... che si è molto offesa, talmente tanto che per ripicca lo uccide! Il giovane sindaco, Simone, che al fantasma ci crede poco, giura che non è solo marketing territoriale e ha organizzato nel Castello un Museo di Arte Moderna. Da visitare

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.