In viaggio con mia figlia è il nuovo programma di Syusy Blady in onda la domenica alle 10.50 su Rete 4 dal 10 giugno, che racconta itinerari di viaggio a basso impatto ambientale in Italia, percorsi insieme alla figlia Zoe Roversi Giusti, ormai ventenne, laureata in antropologia e specializzanda in women studies. Le chiavi di lettura del viaggio sono varie: il punto di vista femminile, il rapporto madre-figlia, il viaggio come incontro con le persone che fanno i luoghi, lattenzione verso gli aspetti social e sociali, la necessità di trovare e provare forme di mobilità alternativa... Perché il mondo si salva anche a partire dai nostri comportamenti individuali e anche in viaggio!

Syusy e Zoe hanno scelto di viaggiare su un mezzo ecologico: unauto elettrica moderna e con grande autonomia, facile da usare e da ricaricare, la Zoe Renault. Raccontano le loro esperienze di viaggio integrando nella storia la loro Zoe - l’auto, in questo caso! -. Syusy, anche giocando sull’omonimia tra la figlia e il mezzo ecologico, cercherà di confutare con ironia alcuni stereotipi negativi sulla sicurezza, l’affidabilità e l’autonomia delle auto elettriche, per incoraggiare una mobilità alternativa, un’urgenza del presente! «Perché andare in viaggio con mia figlia? – dice – Perché è il futuro! Un futuro che se non va verso la salvaguardia dell’ambiente, del paesaggio, della sopravvivenza, non va da nessuna parte». E Zoe chiosa: «Un futuro sociale ed ecologico!»

La serie è di sei puntate che raccontano altrettanti itinerari alternativi e tematici in diverse regioni italiane, sempre all’insegna del #movedifferent. In Campania, nei luoghi del mito sulle tracce del divino femminile tra Capua, Caserta e Pagani, passando da una social street nel cuore di Napoli. In Toscana, tra figure femminili che risalgono ai tempi degli Etruschi e dei Medici tra Montecatini e il Chianti, fino a Siena, terra di Santa Caterina, della ragazza del Palio e di una social street a tutela delle Mura cittadine. In Lazio, tra i cammini spirituali di San Francesco e San Benedetto, per connettersi sì, ma con la Natura, tra borghi medievali che preservano antiche tradizioni, donne speciali e il “villaggio-social” ante litteram: Calcata! In Basilicata, a Matera e non solo, per raccontare il futuro ecosostenibile di questa regione ricca di acqua, sole, vento e petrolio, che potrebbe vivere di cultura e di fonti rinnovabili. In Sicilia, fra siti archeologici testimoni di un grande passato e uno sguardo al futuro, che deve essere sostenibile dal punto di vista ambientale, ma anche sociale: un giro che toccherà Palermo, Sciacca, Agrigento, Favara e Noto. In Trentino Alto Adige, esempio virtuoso di equilibrio fra natura, tradizioni e innovazione, che punta dritto alla sufficienza energetica da fonti rinnovabili: in Val di Non, a Pergine Valsugana, nelle Valli di Primiero e Vanoi, a San Martino di Castrozza.