Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Economia Sport Motori Tech Magazine Salute Itinerari

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Uno slow tour anfibio lungo l’Idrovia Ferrarese

Navigando e pedalando lungo il Po

Ultimo aggiornamento il 2 agosto 2018 alle 10:02
idrovia Ferrarese

L’Idrovia Ferrarese è il canale che unisce il Po da Pontelagoscuro al mare, fino a Porto Garibaldi. Una via d’acqua di 70 km che Patrizio ha percorso in kayak assieme a Emilio Rigatti, uomo-anfibio. Per poi continuare in bicicletta lungo l’argine del fiume fino alla foce, Comacchio e il Parco del Delta. L’itinerario tocca un sacco di piccoli centri interessanti, da Ferrara (città estense straordinariamente bella) a Copparo, da Tresigallo a Migliarino fino - appunto - a Comacchio. Uno Slow Tour che incontra diversi approcci turistici: i podisti, i canoisti, i pescatori, i cicloturisti, gli appassionati di gastronomia!

Un po’ succede quello che si prova sempre, andando in barca, in qualunque modo lo si faccia: il mondo si vede in un altro modo! Così come la terra vista dal mare cambia, anche una campagna o una regione viste da un fiume assumono un sapore diversissimo. Quello fluviale è il viaggio slow per eccellenza, anche molto ecologico: i mezzi che navigano sul fiume, le house boat o le varie tipologie di chiatte e canoe consumano poco, fanno poco o nessun rumore, sollevano un’onda relativa (perché vanno piano, generalmente). Lungo gli itinerari fluviali c'è una riscoperta inevitabile di sapori, tradizioni e luoghi poco conosciuti: seguendo il dolce corso dell’argine si incontrano stradine meravigliose, piccole trattorie, gli alberghetti di paese, un’atmosfera stupenda… Si realizza – finalmente – la vera valorizzazione del territorio diffuso e delle sue risorse, al di fuori dalle grandi direttive turistiche di massa!

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.